Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: fucku
Voglio rispondere alla tua lettera adesso, altrimenti dopo non riuscirei a fare nulla. Devi smetterla di crederti inferiore alla mia amica. Tu sei mia sorella maledizione e lei è la mia migliore amica, siete due parti distinte di me. Ognuna è importantissima per me allo stesso identico modo. Senza di lei non riesco a stare e nemmeno senza di te. Non riesco a capire come tu non possa vedere quello che sento per te, come tu possa crederti inutile. Mi fai sentire a casa ovunque mi trovi, sei una delle poche persone con le quali non mi vergogno ad essere me stessa, mi ascolti sempre, anche se sono ripetitiva, noiosa, arrabbiata, stupida, depressa, fuori di testa, felicissima. Posso parlare con te sempre, posso rivolgermi a te per qualunque cosa ed è questo che ti rende speciale. Tu per le persone ci sei. Non sei come alcuni che promettono la luna e non hanno nemmeno la decenza di dirti per quale dannata ragione hanno deciso di abbandonarti e deluderti. Tu ci sei per tutti, ti danni l'anima pur di aiutare quelli a cui tieni. Rendi felicissime tante di quelle persone che tu non immagini neppure, anche solo respirando e ridendo. Quindi smettila di dire che non vali niente, smettila di dire che non ti meriti niente, perché tu sei una parte di me senza la quale non saprei vivere e per questo ti meriti tutto, molto più di quanto io riesca a darti. Non ci sei da nemmeno un giorno e già io mi sento sola. Sono in camera a piangere. La camera dove dormo e vivo da anni mi sembra troppo grande e vuota. Il letto mi sembra troppo freddo e scomodo. Abbraccio il cuscino solo perché profuma della mia sorellona e non riesco a darmi pace perché non posso essere dove sei tu. Non posso abbracciarti quando piangi, non posso farti il solletico per darti fastidio, non posso accoccolarmi vicina a te prima di dormire. Mi hai chiesto di venire via con te. Ti giuro, ti giuro, che avrei fatto la valigia lì per lì, che sarei partita senza nemmeno pensarci. Lo avrei fatto perché quando sono con te, mi dimentico di tutto e di tutti. Una settimana giù con te è bastata a farmi dimenticare persino di avere una casa qua. Non ho bisogno di niente e di nessuno quando sono con te e questo te lo devi ficcare in testa. Tu sei fondamentale per me. Smettila di pensare il contrario. Smettila di crederti inutile e trasparente. Smettila, perché sei una luce grandissima, calda e accogliente. Sei la mia luce, verso la quale mi rivolgo sempre, perché so che dove ci sei tu, c'è casa. C'è amore e gioia. Falla finita o giuro che il prossimo anno, appena ci vedremo di nuovo, ti faccio male. Mi manchi e anche se mi sa che ci arrivi da sola a capirlo, ti voglio bene. Troppo, così tanto che mi fa male.
Composto lunedì 31 agosto 2015
Vota il post: Commenta
    Scritto da: fucku
    Se potessi a chi affideresti la tua anima? Da chi, da cosa la lasceresti prendere? La tua anima, non il tuo cuore. Io vorrei affidare la mia anima alla musica. È sempre, da sempre stata sua. Se davvero potessi donare la mia anima alla musica potrei anche morire in pace. La morte non mi farebbe poi così paura. Perché? Perché raggiungerei tutte le persone che amo, potrei sentirle ridere, vederle ballare, piangere. Potrei consolarle, renderle felici. Perché sarei immortale, ma soprattutto perché sarei con la musica. Pensare che la musica possa andare avanti e che io non potrò più sentirla mi uccide. Ma se davvero potessi darle la mia anima allora finirei diretta in paradiso.
    Composto domenica 19 luglio 2015
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: fucku
      La notte, quanto ci fa penare la notte!? È terrificante, dolce e magica allo stesso tempo. Ci si nascondono i demoni, nella notte. Spiriti, mostri... o semplicemente i nostri pensieri? O forse solo le nostre ansie e paure? E se fossero loro quelle entità spaventose rappresentate con tanta cura? È dolce la notte, vogliamo amore, carezze, vogliamo un corpo caldo contro il nostro per sentirci protetti da quelle paure, perché si sa che quando si ha qualcuno con cui condividerle sembra perfino che possano essere sconfitte ed è anche magica. Di notte tutto sembra possibile, si sogna di notte e si fanno cose che di giorno non si farebbero. Di giorno si è razionali, ci si comporta quasi perfettamente come ci si dovrebbe comportare, ma la notte, la notte ti fa capire che cosa ti sei tenuto dentro per colpa della luce. Il buio è tuo complice, ti fa sentire... speciale, come se fossi un po' magico anche tu. La notte è così tremendamente complicata che non puoi fare a meno di amarla.
      Composto mercoledì 15 luglio 2015
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: fucku
        L'amore non corrisposto è qualcosa di orribile, vederlo mentre parla, scherza e guarda un'altra è terribile, ricevere le sue risposte fredde, quando invece gli hai detto qualcosa che per te era importante perché ti faceva battere il cuore è tremendo, ma a mio parere la cosa più dolorosa di tutte è l'essere consapevole di non potere fare nulla per farlo sentire male come stai tu. So che è qualcosa di cattivo e vendicativo, ma delle volte capita che nella tua testa inizino a scorrere quelle parole mute: "bene ora non ti rivolgo più la parola, cerco di allontanarmi da te per stare meglio, così ti rendi conto di avermi ferita ancora una volta", capita e il dolore e l'impotenza che sento quando mi rendo conto che se fosse per lui potrei anche svanire nel nulla, che per lui non fa alcuna differenza, che non ho modo di fargli capire quanto ci sto male facendoglielo provare, mi distrugge più di ogni cosa.
        Composto giovedì 7 maggio 2015
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: fucku
          Me ne rendo conto sempre tardi e, quando lo faccio, è proprio come una rivelazione, come un fulmine che squarcia l'aria. A te non importerà mai di me quanto a me ha sempre importato di te. Non provi per me quello che io ho sempre provato per te. Ora il dubbio sta nel decidere. Meglio donare tutta me stessa sapendo che non sarò mai ripagata in modo soddisfacente, ma perlomeno ottenendo qualcosa o è meglio lasciare perdere, lasciarti andare e non ottenere più nulla da te, nemmeno quel briciolo di affetto che sentivo mi donavi?
          Composto mercoledì 22 aprile 2015
          Vota il post: Commenta