Questo sito contribuisce alla audience di

Quotidianità


Scritto da: Pompeo Esposito
in Diario (Quotidianità)
I dati Istat relativi al 2015 certificano che più di una persona su quattro è a rischio di povertà o esclusione sociale. Qualcosa non quadra! Nel mio quartiere, oltre a me, vivono altre 100 persone, tutte benestanti... Quindi, secondo i miei dati, solo 1 persona su cento è "a rischio di povertà o esclusione sociale". In un primo momento, per non andar contro agli esperti, mi sono chiesto: "ma non è che per caso vivo, senza saperlo, a Star Island?" Per togliermi ogni dubbio, sono andato a controllare i cognomi dei vicini, citofono per citofono... Alla lettura del primo, mi è venuto quasi un colpo... Stallone... ma, in seguito, mi sono reso conto che era lo pseudonimo... Proseguendo, non avendo trovato nessun O'Neal, Smith, Kravitz o Pitt, ma solo Mincullo, Bonadonna, Lalicata, Passera, Iaculo e Mingoia, ho capito che l'Istat, per questo sondaggio, ha saltato il mio quartiere...
Composto martedì 6 dicembre 2016
Vota il post: Commenta
    in Diario (Quotidianità)
    Spesse volte (nelle personali convinzioni) abbiamo il coraggio di proclamarci "veri uomini", senza trovare in noi stessi, però, la forza di ringraziare il Signore. Si tende a meditare sulle cose di quaggiù ed a pensar poco a quelle di lassù. Ringraziamo (esultanti di gioia) il buon Dio se ci entrano in tasca 100 euro in più o ci prostriamo (gementi e piangenti) se le cose non vanno a nostro favore ed inventiamo puntualmente un nuova soluzione, per "fregar" quattrini a ripetizione e per far della propria esistenza autentico motivo d'esibizione (prego per queste persone, ma una parola la debbo pur dire, perché sono stanco di tutto questo schifo). L'uomo (senza generalizzare) si perde nei suoi pensieri, nei suoi dolori, nel suo egoismo; non riconoscendo il Dio dell'umiltà, pur vivendogli accanto.
    Grazie, Gesù, per avermi dato la possibilità di pensare, di respirare, di camminare, di saltellare, di correre per le strade, di amare, di perdermi nel sorriso di un bambino, di gioire guardando Te, che sei speciale. Grazie infinite per l'attenzione che mi doni con costanza e lealtà. Grazie per le notti insonni passate al mio cospetto, quando il cuor si straziava in petto. Grazie per avermi fatto conoscere santi uomini, colmi di ogni ricchezza e virtù, perché nel cuore hanno Te, amatissimo Gesù. Un abbraccio.
    Composto lunedì 5 dicembre 2016
    Vota il post: Commenta