Questo sito contribuisce alla audience di

Esperienze


Scritto da: Fily Russo
in Diario (Esperienze)
Non è mancanza di fiducia verso il prossima la mia, ma consapevolezza che nessuno ci amerà più di quanto noi amiamo noi stessi. Noi riflettiamo sugli altri inconsapevolmente quello che sentiamo di noi stessi, quello che proviamo per noi, ecco perché il principio dev'essere di "amarsi". Amarsi a tal punto da poter poi far emanare questo amore dalla nostra vita, perché quando ci si ama, si amano gli altri e la vita prende il gusto delle cose migliori fino ad apprezzarne ogni omaggio che ne fa.
Composto domenica 18 dicembre 2016
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Fily Russo
    in Diario (Esperienze)
    Alla fine devi accantonare tutto. Tutto quello che ti fa male, tutto ciò che ti ha fatto bene un tempo ma adesso ti sta solo facendo soffrire. Accantona per sempre chi ti fa male gratuitamente, chi di te non ha capito niente. Accantona, discorsi e chiarimenti e poi fai un bel sorriso grande. Un sorriso che mostri quanto sei felice. Un sorriso che doni a tutti la bella sensazione che sei felice. Un sorriso che arrivi a chi ancora pensa che ogni azione cattiva che fa ti può far stare male. Tu sorridi, accantona, poi infine abbandona tutto ciò che lenisce la tua persona, una volta è per sempre.
    Composto domenica 18 dicembre 2016
    Vota il post: Commenta
      in Diario (Esperienze)
      I genitori son poesia per il cuore che li adora, che li chiama, che li cerca notte e dì. Son sussulto per l'anima che soffre nel vederli soffrire o che gioisce nel vederli sorridere; sostegno sicuro su cui poggiar le poche certezze d'una vita un tempo spensierata e che ora non lo è più. Donate vita a chi vi ha dato la vita, donate affetto a chi vi osserva con diletto, offrite loro la più grande soddisfazione: di vedervi tutti uniti, in pace e in amore. I genitori sono autentica ricchezza, abbiatene cura finché siete in tempo.
      Composto domenica 18 dicembre 2016
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        in Diario (Esperienze)
        Non mi hanno regalato la serenità, me la sono conquistata. L'ho fatto strada facendo, passo dopo passo e lezione dopo lezione. Ho imparato il valore di un abbraccio quando ne ho chiesto uno e mi è stato negato. Ho capito cosa fosse l'umiltà quando sbagliando sentivo io per prima la necessità di chiedere scusa, ma ho visto quanto costi agli altri dare lo stesso nei miei confronti. Ho capito che ci possiamo rialzare sempre quando mi sono aggrappata a mani invisibili, mani che erano grandi, forti e sicure solo agli occhi miei. Questo perché tutti sappiano che la serenità dipende da noi, perché la vita insegna molto di più quando colpisce di quando ti accarezza.
        Composto venerdì 16 dicembre 2016
        Vota il post: Commenta