Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: A. Billè
Sarà sempre difficile, avrai sempre a che fare con qualcuno che preferirebbe non esistessi, anche quando concretamente non hai inflitto nessun torto. Pensavi davvero che non odiare nessuno riuscisse a non farti odiare mai? Pensavi di poter piacere alla gente, credevi che i pregiudizi non esistessero? Pensavi che solo perché tu preferisci conoscere prima di giudicare e tralasciare per il quieto vivere quando c'è da criticare, lo facessero anche gli altri? Non ha mai funzionato così, in questo mondo esiste l'invidia, l'immaturità e l'astio gratuito. Esistono le etichette e la competizione e cercheranno in ogni modo di farti sentire sbagliato. Alla fine però ricorda sempre che il sorriso sta sulla bocca dei vinti, accetta le critiche anche se infondate, migliorati e inizia ad amarti. Ogni tanto sarà dura, ma prova ad andare incontro, anche a chi non sembra disponibile ad ascoltarti ed accettarti, e se diventa impossibile allora mostra indifferenza, che sarà sempre invidiata. Conosci i tuoi difetti, e se vieni additato per uno che non ti appartiene da chi non ti conosce, dimostrargli il contrario o lasciagli credere ciò che vuole, non dipende dagli altri la tua esistenza. Non avere paura del parere della gente, perché stai vivendo per te, non per loro.
Vota il post: Commenta
    Scritto da: A. Billè
    Gente che va, gente che viene, volti nuovi, vecchi, già visti, insopportabili, affascinanti, interessanti. Anime noiose, profili psicologici da scoprire, racconti da ascoltare incantanti o incapaci di intrattenerti. Bugie e confessioni indistinguibili, attori codardi e sinceri coraggiosi. Paure, lacrime, urla e risate. Amici o nemici, amore e odio, ricordi e dejavu. Parole al vento e frasi incatenate al cuore. Sguardi persi, mai trovati, evitati, cercati, rapitori, fastidiosi e ingannatori. Sai, sono gli altri che ti fanno vivere, chi ti circonda. Non scegliere nessuno, affrontali tutti, a modo loro ti daranno una lezione, positiva o negativa che possa essere. Non scappare, non impressionarti, non comportarti razionalmente e nemmeno istintivamente, non pensarci, ma pensaci un po', sii incoerente, come loro, come tutti, come sei e come ti vogliono.
    Composto mercoledì 23 settembre 2015
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: A. Billè
      Sentivo il bisogno di sfogarmi. Di ridere, piangere, scappare, picchiare, amare, odiare e vivere ogni momento con tutta la passione che sapevo di avere a disposizione. Invece ero passiva. Ferma a quella solita vita che iniziavo ad odiare sempre di più. Non mi piaceva essere vincolata a non poter sfruttare tutto il mio potenziale, ma era così. Ed era tutto fortemente amplificato dalla mia solitudine, che mi stava uccidendo più che mai, stava consumando la mia esuberanza ogni giorno di più. Mi sentivo terribilmente vuota, senza uno scopo, infelice e sempre più sola. Non mi riconoscevo più. Mi ero dimenticata chi ero. Mi mancavano i vecchi tempi, quando ero sempre solare, quando ero io a mettere di buon umore gli altri. Ora mi sembrava cambiato tutto, mi sentivo incapace di riprendermi da quello che ottimisticamente chiamavo "brutto periodo". Una parte di me continuava a sperare che fosse solo una crisi temporanea, l'altra continuava a urlare e a sbraitare che non c'era più nulla da fare, che ero cambiata, che non sarei più tornata e che le condizioni attuali non sarebbero riuscite a farmi tornare mai più. E c'erano queste due parti schierate una contro l'altra che non sembravano mai trovare una risposta comune e che andasse bene ad entrambe. Ed era esattamente per questo che andavo a momenti, dipendeva da quale parte di me prevaleva quel giorno, in quel determinato momento. Mi adeguavo a come inconsciamente sceglievo di vivere. Ma la parte più vera e profonda di me, quella che non avrebbe mai abbandonato le origini, sapeva che un giorno, mi sarei ritrovata e che ero ancora piccola e ingenua per credere di essere morta dentro in eterno.
      Composto mercoledì 23 settembre 2015
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: A. Billè
        Ogni tanto però tradire non è solo una tentazione che dura un secondo. Ogni tanto c'è molto di più, è pura nostalgia di qualcuno che non puoi più avere, anche se diventa solo un salto nel vuoto tornare su quei passi falsi, davanti a certe occasioni non sai come tirarti indietro, è se non ci pensi due volte, è perché il tuo istinto e il tuo subconscio così volevano. Probabilmente loro già sanno che chi hai al tuo fianco tutti i giorni, non vale come chi hai di fronte in quelle che voi chiamate "tentazioni che durano un secondo". E non tradirei mai tanto per tradire, o per qualcuno di insignificante, tradirei solo quando ne vale la pena, e non essendo innamorata della persona con cui sto, mi capita di pensare che ci sia qualcun altro per cui forse varrebbe la pena, qualcuno con cui non posso sprecare occasioni, semplicemente qualcuno che non riesce a lasciarmi andare e soprattutto che non riesco a lasciar andare.
        Composto sabato 22 agosto 2015
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: A. Billè
          Ci sono persone che ti porterai dentro per sempre. Come cicatrici indelebili sulla pelle, tatuaggi che solo tu vedi, ma invisibili per chiunque altro. E insieme a queste persone ci saranno luoghi, oggetti, parole, frasi che ti faranno tornare in mente ricordi indissolubili di un passato speciale. Non ti puoi liberare facilmente di qualcosa a cui ti affezioni, quando inizi ad abituarti a qualcuno, ad una voce, un odore o ad una risata, poi tieni stretto quel ricordo e si farà male, sapere che pensi ancora a qualcosa che non c'è più, ti farà ancora più male quando non saprai dare una spiegazione ai fatti, ma anche se potessi scegliere razionalmente se dimenticare o ricordare tutti i dettagli, sceglieresti sempre di rivivere tutto come un film in replay. Con gli stessi tagli e le stesse ferite, perché sai che ne è valsa la pensa, se ci sei passato, se ti sei buttato, sai che lo rifaresti ancora è ancora. E nel tuo subconscio ti farà comunque piacere sapere di essere stato così profondo da aver provato così tanto sulla tua pelle e guardi una foto per prendere ispirazione, perché fa male quanto bene, perché ti vorrò per sempre bene.
          Composto venerdì 28 agosto 2015
          Vota il post: Commenta