I migliori post di Adriano Arfini

Libero professionista, nato giovedì 17 ottobre 1968 a Casalmaggiore (CR) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Adriano Arfini
Sarete sempre parte di me anche quando non farò fatica a comprendere vostre scelte, anche quando dovrò lasciarvi sbagliare per farvi crescere. Tuttavia non ci sarà una sola volta che io non sarò stato dalla vostra parte. Sarò sempre con voi, nelle vostre vittorie ma soprattutto nelle vostre sconfitte.
Ogni scelta che farete non importa che sia stata quella giusta o quella sbagliata, perché per me sarà quella più vera e avrà contato che sia stata la vostra, bella, e piena della vostra dignità. Sarò con voi in ogni luogo che scoprirete, vestirò di voi ogni emozione che mi racconterete, seguirò dietro di voi ogni strada che camminerete. Sarete sempre la parte di me migliore quella più resistente e indistruttibile. Vi amerò sempre fino alla vita e oltre la vita, fino alla morte e oltre la morte.
Vi sarò accanto ogni giorno per rendervi grazie perché essere il vostro papà significa avere la certezza di non morire mai.
Adriano Arfini
Composto domenica 19 marzo 2017
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Adriano Arfini
    Mi trovai, come in tante circostanze del mio lavoro, presso il domicilio di una persona anziana. Una casa in campagna come piace me, con l'essenziale, e dove non si butta mai via niente. Al termine della visita il rispettoso uomo di 96 anni di cui ricordo benissimo il nome mi raccontò i momenti più toccanti della sua vita, rimasi incantato con grande emozione. Ad un certo punto girò lentamente lo sguardo sulla credenza dove stavano belle in fila portafoto piene di polvere. Prese con se la più grande con entrambe le mani tremanti e se la strinse al petto. Mi disse una cosa meravigliosa che riuscì a suscitarmi brividi, nella sua forma più semplice e franca del proprio dialetto. "Vedi caro giovanotto, me ne andrò da questo mondo con grande orgoglio, ma con un solo rimpianto, quello di non aver abbracciato abbastanza la mia mamma. La persi all'età di 14 anni e ti giuro che se fosse qui in questo momento l'abbraccerei così forte che non potrebbe più andarsene via senza di me. Avrei preferito morire a vent'anni con molti più abbracci alla mia mamma, piuttosto che adesso che sto accarezzando il secolo e ancora me la sogno di notte. Tutto l'amore che lei mi ha dato quando ero bambino non è stato abbastanza per coprire tutto il resto della mia vita. Non esiste un amore più grande e vero di quello che ci deve la nostra mamma". Sono uscito da quella casa con una sua bottiglia di vino, il suo sorriso malinconico pieno di vita, e un fiume dentro agli occhi.
    Adriano Arfini
    Composto lunedì 18 aprile 2016
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Adriano Arfini
      Partire per ritornare non è stato di certo andarmene. Mi avevi chiesto di tornare e ora sono di nuovo qui a risentire la tua pelle calda dentro questo gelido inverno. Sapevo che solo tu mi potevi riscaldare. Eccoci. Io e te di nuovo abbracciati. Come in una bella foto. Sdraiati e bagnati di mare ad aspettare tramonti infuocati di sole. Io che guardo lontano verso l'orizzonte e tu che mi stringi le mani e mi dici di amarmi sempre di più. Poi rialzarsi a camminare senza una meta lungo viali alberati. Sentire i nostri respiri e guardarsi per rassicurarci di non essere mai stanchi. Salire su un monte a toccare l'infinito. Gridare a Dio che di amarci non abbiamo mai finito.
      Adriano Arfini
      Composto martedì 8 novembre 2016
      Vota il post: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di