Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Verbale del "VIIº concorso letterario internazionale di PensieriParole"


9
postato da , il
C'è un mio commento "di fuoco" bloccato da Attila.
    Ad integrazione dello stesso, devo comunque dare atto al membro della giuria Rino Caputo di essersi, a suo modo, dissociato da talune spontanee linee di tendenza emerse nella giuria, che ritengo di gran lunga più inquietanti della serie impressionante di 1 di cui ci ha gratificato.  
    E detta in termini più chiari: mi ha dato un "sonoro" ceffone a 2 mani, è vero; ma, fosse stato per lui, non sarei arrivato ULTIMO nel voto della giuria "qualificata".
    A proposito, Flavia, tu che sei informata... di che sono professori quel tal Traversa e quel tal Pasqua, anch'essi  membri della giuria?  : ))))))))))
    Al confronto, ripensandoci, forse riesco a capire e quasi mi sento di condividere il pensiero del prof. Caputo, alla cui... idea meravigliosa, probabilmente scaturita da un profondo moto di ribellione esistenziale, dedico con tutto il cuore la canzone che segue: L'UNO (o non si traduce così??)  : ))))

Su youtube:                Elton John The One
8
postato da , il
Flavia, non lasciarti incantare dalle etichette.
     Il vero problema non sono i 10 aforismi "pane e peperoni", ma come si è arrivati, negli ultimi 40 anni, alle cattedre universitarie all' "acqua di rose"...
Io di prof universitari ne conosco tanti... anche di italiano. Ma ce ne sono solo 2 o 3 che meritino la mia stima. E, in verità, non esattamente per esserlo diventati, ché quello è stato per essi il passare attraverso forche caudine che avrebbero preferito evitare...
     E ti racconto un episodio. Un giovane laureando sostiene con 30 e lode l'esame di diritto penale. Si laurea con 110 e lode, e in commissione c'è il titolare della cattedra, che ricordandolo (evidentemente ne era stato colpito in sede di esame) gli fa: "Vorrebbe divenire mio assistente?" Il giovane, lusingato, si reca l'indomani presso lo studio del prof, e viene ricevuto dal suo primo assistente, all'epoca giò libero docente, che a sua volta gli fa: "Oh, meno male che sei arrivato. Parla col prof, poi, quando esci, ti dò le chiavi della macchina. D'ora in poi sarà tuo il compito di portarla a lavare".
    Il giovane laureando ero io. Il prof è mo*rto da tempo. Non so... come andò a finire, perché letteralmente uscii da quello studio legale sbattendo la porta. Il libero docente continuò :) a lavare la macchina del prof, ma dopo una decina d'anni divenne professore ordinario. Non senza aver prima copiato pari pari, e pubblicato come propria, la tesi di laurea di mio fratello, che frattanto aveva vinto a Napoli il premio Giannuzzi Savelli per la migliore tesi di laurea degli ultimi 10 anni (era 10 anni che non si assegnava) in diritto penale.
     Spero solo che l'interessato si faccia vivo. Poi faccio nomi e cognomi, prima di andarmene anch'io all'altro mondo.
     Perciò, cara Flavia, i' so' pazz: me ne strafoffevo allora dei prof universitari, figurati ora... ; ))
     Per carità, questo prof che tu dici è possibile, e forse anche probabile che sia l'eccezione che conferma la regola. Può ben essere possibile che egli, diversamente da QUASI TUTTI, non sia passato per la trafila di concorsi a cattedra di cui già in precedenza si conoscevano gli esiti, perché sostenuti da persone (giustamente) "portate" dai titolari di cattedra.
    Però... avrei un piccolo appunto da fargli. Se io ho in mano una bilancia da fruttivendolo, e devo pesare un'arancia da 50 grammi, non posso voltare la stadera, come si dice a Napoli, " 'a via 'o gruosso", cioè dalla parte dove si pesano i chili. Devo voltarla dalla parte dove si pesa il piccolo. In buona sostanza: il giudizio da esprimersi era RELATIVO, non ASSOLUTO. E' chiaro che se metti qualsiasi cosa scritta da scrittori naìf come noi a paragone con Giacomo Leopardi, cioè con l'assoluto, prendiamo tutto il minimo (1 è già troppo)...  Ma ciò che gli si chiedeva era scendere nel mondo dei pigmei, anzi che dico: delle formiche. Ci si deve scendere con la lente d'ingrandimento, non col telescopio di Monte Palomar, proprio allo scopo di poter vedere se per caso c'è una formichina "alta" appena un millesimo di millimetro più di un'altra.. : ))
    E allora, senza tema di smentita, io ritengo quella serie di 1 una stucchevole esibizione di gratuita cattedraticità, che ben poteva esserci risparmiata.
    Anche perché, se vai poi a vedere le poesie, spicca in una serie di 1 e 2, un 5 che non si capisce se sia sceso da un altro pianeta o se fosse un 1 cui è venuto un baffo orizzontale perché il prof si era scottato la lingua col caffè... 
    : )))))))))
   Flavia, si dice a Napoli: " fosse nu rancetiello, e fosse 'e scoglio!! " E tu sai che io sono un cultore dell'antica sapienza dei padri fondatori della mia millenaria cultura.
7
postato da , il
:-)
6
postato da , il
era meglio morire da piccola
che discutere problemi di  (po)Etica
5
postato da , il
Chiedo
rettifico
mi chiedo
se il Presidente della Giuria ha bocciato i  10 autori finalisti
gli autori eliminati nella prima fase
valgono zero???????


Grazie prof Caputo!!!!!!!!!!!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti