Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Ogni arte nasce dai sensi, poi si fa pensiero..." di Leonardo Omezzolli


20
postato da , il
Per Gisc, (e per tutti)
“Ogni arte nasce dai sensi” non dal senso. I sensi sono cinque differenziati in gusto, vista, tatto, olfatto e udito. Attraverso questi percepiamo delle informazioni che, chi più chi meno, tramutiamo in emozioni, o pensieri o altro.
In effetti mi si può criticare l’ordine scritto nella frase, ovvero, prima pensieri e poi emozioni. Chi lo ha detto? Non potrebbe essere il contrario? La risposta è certamente: Sì, può essere viceversa. Io stesso a volte dai sensi traduco prima in pensieri e poi in emozioni e altre volte il toccare, il vedere, il sentire, l’odorare e il gustare una determinata cosa mi suscita prima un’emozione e poi un pensiero o perchè no, un ricordo. ( Da questo potrebbe partire una nuova emozione, o una vecchia, e il cerchio non avrebbe fine).
Da questo pilastro base arriviamo all’arte. L’artista, chi vuole definirsi così o chiunque altro (sempre secondo me), tramuta questo pilastro in una cosa tangibile. Una foto? Una scultura in marmo, in pietra, in terracotta, col pongo, di carta? Una poesia? Una frase? Un film? Un dipinto? ecc.
Qui si chiude la prima frase.

Alla seconda parte ci arriverò passo dopo passo, ma prima rispondiamo alle tue domande.

“Perchè vivremo solo così????
Dici così corrotti? Avendo perso noi stessi? Del tipo : Se vuoi vivere bene, prendi la vita come viene?? E la nostra società essendo corrotta...va vissuta bene così com'è????”
Ti chiedo scusa se ti ho citato le domande, ma lo ho fatto per chiarezza dato la posizione retrograda del tuo commento.
Assolutamente no. Non viviamo solo così corrotti perdendo noi stessi e men che meno voglio indicare di vivere la vita come viene senza in questo giocarsela.
Mi spiego: Sono un sostenitore del “carpe diem”, “size the day”, “cogli l’attimo”(per i nostrani) e su questo non ci piove, ma quello che la frase fatta indica non è certamente prendere la vita così come viene. Indica invece la capacità di fare in modo che la propria vita possa essere vissuta a pieno senza ( o con il minor numero possibile di) rimpianti, rimorsi e se... . Vuol dire che se la vita ti toglie qualcuno, ti chiude una porta o ti regala una meraviglia non devi lasciare che questo fatto abbia il sopravvento. Nel bene e nel male. Cogli le opportunità.
Dici poi: “...se segui l'onda è più semplice restare a galla ma, se ci entri nell'onda sarà una rivoluzione...di emozioni...di arte...di te stesso...almeno perchè potrai dire di avere fatto qualcosa di difficoltoso e coraggioso....che non è da tutti....
Avrai anche qualcosa da raccontare nella tua arte!!!!”
É esattamente quello che voleva dire la mia frase e cioè che entrare nell’onda “sarà una rivoluzione...di emozioni...di arte...di te stesso...almeno perchè potrai dire di avere fatto qualcosa di difficoltoso e coraggioso....che non è da tutti....”
Proprio per questo nel raccontare la tua arte( che è il messaggio fondamenta su cui si costruisce la mia frase) e( cito dal commento 9 di DANA) “riprodurla sia come estrarre un pezzo di se stesso e darlo in pasto al mondo, restando al contempo ricordato, ma ferito (privato di una parte di se)”.
Aggiungo solo una postilla: La ferita di cui parla DANA non deve essere necessariamente una cosa negativa, perchè non lo è. Per spiegarmi la potremmo paragonare a quando un figlio se ne va di casa per crescere una sua famigli o più semplicemente vivere la sua vita. Nei genitori quel figlio (arte) che se ne va provoca una ferita non indifferente, ma che per fortuna nella maggioranza dei casi è anche motivo di orgoglio perchè nel mondo ora c’è una parte di loro.
19
postato da yeratel, il
Caspiterina Kop, qui mi ci va un tempo di meditazione non breve per sviluppare il pensiero da te esposto... mi ricorda un pensiero (forse del Carducci ma non sono sicuro) che afferma: Il male che gli uomini fanno lor soppravvive, il bene viene con lor sepolto...
18
postato da , il
Frase che ind*uce a meditare sicuramente... su chi e cosa siamo e dove potremmo arrivare...

Al commento n. 15 un punto 0scuro: Giannetti risponde in qualità di Autore della frase oppure non si è accorto che c'è una frase??? (:0)))
17
postato da , il
Kop, mi lasci perplessa.
Il tuo Avatar (ritengo sia una tua foto) mi tranquillizza, ma mai fermarsi alle apparenze!!!!

Abiti sulla via di Baudelaire, Verlaine, Rimbaud, Mallarmé
Via dei Paradisi Artificiali
Ih!Ih! (scusa)
16
postato da , il
Ciao Dana, non preoccuparti avevo capito.Sei una persona educata, non ho captato contestazioni.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti