Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Quando nascerà l'amore piega le ginocchia..." di Antonietta Palermo


9
postato da , il
Il commento di ALESSANDRO ..si crede uno "spirito libero"..n°5
VINCENZO, neanche il tuo commento merita risposta..la tua rabbia è tua nn della chiesa! ..n°6-7
LIBERA, siamo prorio noi a decidere sulla nostra vita, ma..come posso dare una spiegazione x chi nn crede minimamente che c'è qual'cosa oltre alla nostra esistenza..n°8
ALESSANDRO la fede nn è cieca ..ma noi n°10
DOPO AVER LETTO TUTTI I DISCORSI E NN RIUSCENDO A DAR UNA RISPOSTA, PERCHè IN VERITA' FA COMODO QUELLO CHE LE PERSONE SONO CONVINTI DI SAPERE.................MI RATTRISTA SOLO DI AVER SCRITTO UNA FRASE COSì IMPORTANTE PER ESSERE INFANGATA CON DISCORSI--PRIVI DI "UNIONE"
8
postato da , il
trovo bellissima!
ci sono miseri di sentimenti, di non capace di amare
7
postato da , il
Cristiani, gente di provata bontà che ama il suo prossimo non concependo la pena di morte. Mosè guida l'uscita degli ebrei dall'Egitto, narra l'Esodo che il Signore per convincere il Faraone a liberare dalla schiavitù gli ebrei invia come punizione divina le 10 piaghe. Cristiani, gente di provata carità che onora il popolo non concependo la pena di morte. Noè, contattato da Dio costruisce un arca per salvare gli animali mentre il giusto castigo del diluvio annienterà il genere umano. Umanità corrotta e pagana merita punizione divina. Cristiani, cultura di provata fede che vive i suoi simili non contemplando la pena di morte. Sodoma e Gomorra, vizio, edonismo, l'anarchia nichilista fine a se stessa... punizione esemplare. Dio si supera, pioggia di fuoco e zolfo. Salvo Loth (nipote di Abramo) la moglie si gira per guardare il suo uomo e Dio ci fa il sale. Cristiani, non concepiscono la pena di morte... pare adorino le pandemie.

Detto questo pare chiaro che Giovanna era allineata con la 'politica' del Capo......
Ho provato a pensare cosa potesse appagarmi al punto di confortare il cammino fino all'esito ultimo....
........................niente!
6
postato da , il
Essendo in accordo con gli ultimi 4 commenti,sposo l'arcaico concetto che 'dio' è in noi,dobbiamo rispondere di noi stessi..senza 'alibi'.............

Son tornato qui comunque perchè volevo dire che nonostante ho radicato il pensiero che credere in un qualunque Dio monoteista è oscurantismo intellettuale......ammiro chi,come te,è mosso da Fede inossidabile...ammiro e un pò invidio...è certamente condizione 'ozista' che toglie responsabilità....è tutto 'merito' Suo' ....anche di quei 'martiri' nei vecchi manicomi.
5
postato da , il
E quando ci si accorge che quest'amore ci ha distrutti, lacerati, cambiati? Quando finisce, quando si viene abbandonati, trediti, da quell'amore? Si deve ringraziare Dio?  Non credo... siamo noi che decidiamo nel bene e nel male

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti