Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Anche il più grande e maestoso degli alberi..." di Michele Rondoni


7
postato da , il
Dolce Pensiero, mi riferisco alla Regina dell'anima. Essa rappresenta una visione personale e molto ampia di complemento all'anima, un complemeto naturale e predestinato che ciascuna anima possiede. Ti ringrazio per il commento.
6
postato da , il
Cara Fiorella, è pacifico e del tutto rispettabile il tuo approccio, inoltre in considerazione della tua invidiabile esperienza, che  per me costituisce sicuro riferimento, mi propongo con estrema cura ed attenzione alle tue parole. Nonostante ciò non mi trovo in accordo con quanto dici in riferimento alla freccia (di realazione). Credo che se si voglia cogliere il senso di uno scritto (senza entrare nel merito della sostanza)sia necessario allinearsi alla sua direzione. Come dici tu:
"io di solito la freccia l'allineo... al mio orecchio"
sembra una forzatura che porta la freccia fuori dalla sua direzione originaria. Credo che troppo senso logico a volte rafforzi in noi la convizione di aver compreso, l'apparente assenza costringe invece alla ricerca ed alla maggior consapevolezza.
5
postato da , il
impostata molto bene,e interessante nel contenuto,ma la parte finale non la capisco credo si a riservata alla vita,la parola Regina o sbaglio?
4
postato da , il
Boh...se lo dici tu, Michele,sarà così.
Io di solito la freccia l'allineo...al mio orecchio (sia in senso pratico sia poetico)
3
postato da , il
Grazie per il commento.
Si concordo anch'io. Il cerepaccio esiste, deve eststere, ma esiste anche la freccia di relazione. Si tratta solo di allinearsi al braccio dell'arcere...

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti