Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "E sia perduto per voi quel giorno, in cui non..." di Friedrich Wilhelm Nietzsche


16
postato da , il
Vincenzo... a parte alcuni punti di vista che spesso non mi trovano d'accordo con te... su questo discorso... hai detto la stessa cosa che è anche dentro di me. Bisogna sentirlo però ciò di cui parli.... altrimenti è arabo o semplicemente, uno dei tanti.
15
postato da , il
Vincenzo, intendevo la forza di Nietzsche...
14
postato da , il
Sono sincero. Vedi, mentre  scrivevo la mia ira verso di lui.. in fondo pensavo le stesse cose che hai scritto tu nel tuo commento 13....
non ci credevo neanche io in fondo.


in tutta onestà intellettuale ( per quel che ne posso capire) penso che Per comprendere Nietzsche, bisogna avere uno spirito amico.. altrimenti o lo ammiri, soltanto per civetteria.. o lo disprezzi fino alla m*o*r*te... provando a simuire qualcosa che di per se... è comunque troppo grande.
Non c'è via di mezzo... 
e di libri ne sto leggendo...ma così parlò zarathustra ... per me rimane inspiegabile...
un uomo che scrive un libro del genere... meriterebbe rispetto a prescindere..

Onestà intellettuale...


PS: però l'aquila il serpente e il cavallo... non era maluccio...lo avrei ferito dici?  
mmmm....
13
postato da , il
Ed io non sono NESSUNO.  Provo a mettere in discussioni tutto ciò che si può mettere in discussione... ma non sono abbastanza forte
"in questo caso".
12
postato da , il
Condivido con vincenzo cataldo... in pieno!.

La mia era una provocazione.....  perchè volevo vedere se ero più forte di quest'uomo, ma dentro di me, ho sentito che ciò che gli dicevo, mi tornava indietro come un pugno.

Ho provato più volte a provocarlo anche mentre lo leggevo.. ma quest'uomo ha troppa conoscenza e spirito.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti