Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Il bambino con tre anime di Daniela Bonomi


31
postato da , il
Il dolore, da solo, non conduce con certezza a Dio; anzi, può avere un effetto contrario, perché può indurre a pensare: "Come ha potuto Dio permettere tutto questo?"
Ma il dolore vissuto con serenità nella certezza di un destino superiore, il dolore che riesce a valicare l' evento contingente, e a proiettarsi nell' assoluto: quello sì che ha una forza trascinante irresistibile.
E' un dono. E' Dio in persona.
Sei stata molto fortunata, Dana. Anzi, più che fortunata: prescelta. Hai davvero incontrato Dio, in quella casa.      : )))))
PS: queste cose le conosco. Hai fatto piangere anche me. Di gioia.
30
postato da , il
sempre *****
29
postato da , il
Bluedeep, hai già fatto il passo fondamentale: stai cercando le parole in te.
solo questione di tempo, poi le troverai.
Auguri
28
postato da , il
Bluedeep...attendo che tu prenda possesso delle frasi che per ora senti appartenerti solo in parte...e se hanno acceso altre idee e si sono fuse è perchè certamente hai il dono di dipingere a parole, significa che hai trasmesso qualcosa  ...:-)
27
postato da , il
Grazie Marco ma io mi sono limitata a descrivere un emozione...il merito è di questa famiglia speciale sono loro che hanno fatto il miracolo di farmi vedere Dio a me agnostica ed anticlericale convinta.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti