Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "La via giusta nessuno sa come finisce. La via..." di Rocco Fierro


12
postato da , il
Rispondo ad APOROS:
....forse i piedi sanguinano percorrendo la strada sbagliata ma poi rimarginano e i calli che si formeranno ci preserveranno da ferite future
11
postato da Federica Astolfi, il
E' solo la prospettiva che cambia, considerando la strada come unica, nè sbagliata nè giusta, questa non può mai finire, nel male o nel bene. Non si può tornare indietro, ma si può andare avanti.
10
postato da , il
Da come nasci entri per una strada, poi a mano a mano che uno cresce si deve fare la sua strada... se è sbagliata si accorge sempre dopo. Si ricomincia, pertanto hai un bivio, quale si sceglie? Il ripetere la strada sbagliata è da...
9
postato da , il
Daccordo con te Aporos, ma se quelle strade le chiamassimo scelte, e la vita e' basata su queste scelte "strade" allora , forse, si potrebbe incominciare a parlare di scelta giusta o sbagliata, naturalmente nn sempre, ma in alcune circostanze si.. nn credi?
8
postato da Federica Astolfi, il
A me questa frase ha fatto troppo ricordare "Mamma Roma" di Pasolini nella scena in cui Anna Magnani si domanda di chi è la colpa. Ognuno si costruisce la propria strada, e se sbaglia, oltre a farsi male, farà male anche a tutti coloro che nel seguirla la percorreranno. Concordo con Stefano, non ci sono strade giuste o sbagliate.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti