Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Non voglio sentirmi intelligente guardando dei..." di Franco Battiato


6
postato da , il
O comunque: il soggetto dell'azione è persona di media intelligenza (non mi riferisco a Battiato, notoriamente geniale).
5
postato da , il
Dici tu: l'aforisma deve intendersi scritto da persona di media intelligenza. E' così?
4
postato da , il
Sì Giulio, hai ragione: qui basta il pilota automatico.
3
postato da , il
Il vero problema è però che di solito i cretini non capiscono chi è cretino o intelligente. Dunque la frase parte da un presupposto sottinteso: che chi guarda sia intelligente.
Questo assodato, se un intelligente guardasse dei cretini sarebbe un cretino, e quindi non può guardarli; se guarda persone intelligenti, non può sentirsi cretino: le guarda e basta.
Questo a dimostrazione che l'aforisma è spesso gioco di parole, elegante quando si voglia, talvolta anche fatto poetico; ma nulla di razionale.
Voto 10 per l'eleganza e l'arte, e per avermi dato l'opportunità di esemplificare un concetto che vado ripetendo da tempo.
2
postato da , il
Bella per il grande Franco ...

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti