Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Dobbiamo avere fede che la ragione produca la..." di Abraham Lincoln


41
postato da , il
"La giustizia è l' utile del più forte  "  , ricordo molto bene il dialogo tra Trasimaco e Socrate - non per la forza della mia memoria , quanto per la recente lettura-.
Socrate però confutò l' asserzione di Trasimaco , tu invece la sostieni , spero in realtà solo per schermare le mie contestazioni e non per verità.
Ritengo - ad ogni modo - migliore pensare e parlare non dello stato delle cose , come si mostrano ai nostri occhi - se non per uno spunto su  cui teorizzare uno stato di cose ipoteticamente migliore-.
Se non erro mi pare di aver letto recentemente che Dio non è da ritenersi negativo solo per le sciagurate quanto assurde azioni compiute dagli uomini , suoi seguaci e profeti .
Non riesco - ora- a vedere perchè se sostituiamo a Dio la giustizia , questo non possa valere.
40
postato da , il
E' facile vedere che siamo lontani anni luce dall'attuazione di questi ideali.
39
postato da , il
Abbiamo espresso entrambi il medesimo concetto. Tu parli però di persone civili, ragionevoli ed oneste, ma non basta. Per poter escludere il diritto, ci vorrebbe una società di uomini che abbiano a cura le cose altrui come avrebbero a cura le proprie. Ama il prossimo tuo come te stesso; non fare ad altri ciò che non vorresti fosse fatto a te.
     Questo dovrebbe essere una società cristiana. Non esiste al mondo ideale più alto.
38
postato da , il
Quando parlo del diritto, non parlo del diritto NATURALE, ma del diritto POSITIVO. L'IDEA del diritto è una cosa, il diritto positivo esistente in una determinata società un'altra. Quest'ultimo DOVREBBE essere ispirato all'equità, ma purtroppo le leggi vengono poste dai più FORTI, non dai più ONESTI. Questo genera le massime offese che possano farsi all'equità, giacché vengono perpetrate sotto la veste della legalità. Le leggi ad personam di cui tanto ultimamente si parla ne sono un esempio recente; ma innumerevoli se ne possono individuare per il passato. Giustizia ed equanimità sono dunque una cosa (sono categorie ideali), il diritto positivo un'altra.
     Mi pare d'altra parte evidente che, ove esistesse una civiltà DI DIRITTO (cioè una civiltà in cui la gente di sua natura non nuoce agli altri), del diritto positivo, cioè dei codici o anche del decalogo di Mosé, non vi sarebbe bisogno. Le leggi, con i loro corollari di  coercizione, sono dunque fatte per gestire i pianeti delle scimmie come il nostro.
     Ve ne sono sicuramente, però, di migliori.  : ))
37
postato da , il
Concordo , tuttavia , sul fatto che la pacifica civile convivenza delle persone , in una società, dovrebbe essere regolata tanto meno dal diritto , quanto più è alto il suo livello di progresso intellettuale e civile.
Che necessità ci sarebbe - infatti - di regolare i rapporti di persone civili , ragionevoli  ed oneste ?

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti