Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Il fiume di Francesco Andrea Becca


160
postato da , il
Francesco Andrea ogni tua frase è una perla di saggezza e di amore. Sei un grande
159
postato da , il
Lascio ammirata anche il mio commentino:
E' bellissimo volare sulle tue parole
158
postato da , il
Francesco Andrea quando ti leggo mi rimane solo il silenzio
157
postato da , il
La vita a volte si nutre di grandi silenzi per poter esplodere a colorare i deserti dell'anima.
Voi tutti siete fiori preziosi sui lo sguardo si posa rinfrancato. La pioggia è promessa di vita fintanto che rimane nuvola, ma E'vita quando incontra la terra.
E' allora che nessuno può chiedere alla pioggia di tornare ad essere una promessa.
156
postato da , il
Caro Mister Becca
ti scrivo non per commentare ma per parlare ad un amico mai conosciuto ma ritrovato. Per dirti che leggendoti hai liberato una parte di me che credevo ormai morta per sempre. Delusa dalla vita in generale ma senza rimpianti o delusioni particolari ero ormai entrata in quella fase in cui tutto diviene scontato e parcheggiato in un limbo dove non fioriscono più emozioni.
I problemi di tutti i giorni cancellano il nostro io che sognava e volava.
Ho trovato IL FIUME su un Blog che non riportava neanche il nome dell'autore  ma grazie a internet ho trovato pensieri e parole e   Te.
Ho letto tutto di te in questo sito dove sei una specie di mito, un fiore misterioso, o vento come Tu stesso ti definisci. Hai scritto emozioni incredibili, hai fatto commuovere e piangere e hai fatto credere che a questo mondo esistono persone che sanno davvero riconoscere il valore dell'amore.
Le tue parole mi hanno a volte tolto il respiro per la commovente profondità e realtà. Sempre comprensibili, sempre emozionanti e dolcissime, anche le più amare. Ho ripreso a scrivere poesie anche io, come facevo da ragazza quando davanti a me  avevo solo i sogni promessi dall'amore. Ho ripreso a volare sulla mia anima liberandola dalla caverna in cui era sepolta. Il disincanto della vita e le disillusioni sono state spazzate via come per incanto e ora mi trovo a scrivere in un sito implorando un Poeta che soffi altro vento sul mio volare. Ringrazio Andrea Baron Giusva Iannitelli e Federico Illesi che hanno creato questa isola e la preservano contro l'oblio.
Prego loro di continuare in questa missione che regala   momenti di vera vita a tutti noi che vi sostiamo.
E prego Te misteriso Poeta di essere sempre te stesso nella vita di tutti i giorni, di essere quello che scrivi,di esserlo con le persone a cui vuoi bene e che ti amano.
E dona di più a chi come me  non si arrende ancora perchè grazie anche alle tue parole vuole gridare che la vita non finisce sotto la polvere della quotidianità. Qualcuno ti ha scritto che sono tanti i bambini che si sono Riconosciuti sotto le tue nuvole e anche io sono tra loro. Ma vedi quanti siamo? Dove eravamo prima? No, non eravamo morti ma dormivamo come semi in attesa della primavera.
Il mio seme è stato bagnato dal Tuo Fiume, un ritratto esatto anche della mia vita e di quella di chi sa quanti altri.
Non essere avaro di Te e parla con chi ti legge.
Non lascio questa lettera in privato perchè è indirizzata a tutti i lettori di Pensieri e Parole e ai suoi Creatori e curatori che come me hanno visto una piccola luce nella notte e vi guardano con emozione sperando sia un faro.
Un carissimo abbraccio
Verdemare1961. Roma

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti