Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Uomo ricorda che morirai, perciò vivi, vivi..." di Cleonice Parisi


19
postato da , il
Cleonice io credo infondo di capire Sara, anche se non la condivido in pieno. Non credo tu Maestra di vita e nemmeno Silvana Studente. Credo che siate diverse nello scrivere e che avete sicuramente due obiettivi diversi il tuo è quello di primeggiare quello di Silvana non lo so. Io non avrei rischiato a scrivere qualcosa insieme a te al suo posto perchè sono convinta che il tuo unico scopo può essere per far notare quanto tu sia superiore a lei nella letteratuta. Da parte mia non sono in grado di giudicare credo che lei non sia di meno. Ho comperato il suo primo libro ne sono rimasta colpita. HO acuistao anche il tuo e siete sicuramente due opposti.
Auguro entrambe un favolo successo lettarario
18
postato da , il
le tue parole non mi offendono cleonice. Non mi offende mai chi di abitudine fa maestra di vita e non conosce umiltà. Sicuramente piacerai a qualcuno ma chi vive con umiltà non può restarne affascinato. Non comprendo come tu e La Stremiz possiate avere scritto un libro insieme. Tu con questa aria artistocratica piena di insegnamenti. L'altra che e di una semplicità unica talmente  semplice da lasciare un segno nel anima. Senza bisogno di fare vedere nulla. Due estremi una maestra di vita una studente di Vita.
Manfrè ti fa i complimenti..be è scontato come lo è quando a farteli è la Stremiz Stessa. Non ho mai letto qualcosa di negativo da parte loro. Secondo me il fatto che la Stremiz sia così votata e in pari merito al tuo in quanto alla media dei voti ti infastidierà come ti infastidisco io. Chi è abituato al primo posto non desiderà un secondo posto.
17
postato da , il
Grazie Andrea e tu sensibile come sempre.
16
postato da , il
Trovo che questo aforisma sia molto intenso nonostante il tema si delicato.
Complimenti Cleonice! Meravigliosa come sempre...
15
postato da , il
Vabbene Sara pensala come vuoi.

Se le mie parole ti offendono non leggermi, cosa posso dirti.

Al momento non è possibile commentare quest'opera.