Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Ti sorprenderà sapere che tutto ciò che vedi è..." di Osho


7
postato da , il
Stando al fatto che l' opinione non potrà mai essere completa sul pensiero di un uomo, specie se quest' uomo è a detta sua, un poeta che continuamente si contraddice, anche perchè l' opinione dicevano già in antichità si colloca a metà strada tra la verità che la conoscenza apporta e la menzogna dell' ignoranza, ebbene è del tutto normale non comprendere appieno il pensiero di un uomo, ma non per questo dobbiamo esimerci dal provarci.
Non intendo prendere le parti di questo autore, anche perchè ,come giustamente mi dai l' opportunità di notare, non ho letto tutti i suoi libri, ma solo ed esclusivamente uno e sono, proprio per questo, già troppe le parole che ho speso a riguardo. Dico solo che ho avuto delle belle sensazioni leggendolo e mi piacerebbe che tu, visto che ho grande considerazione di te, iniziassi a leggerlo a cuore aperto e con i migliori propositi.
Il vuoto mentale potrebbe essere utile proprio a demolire le barriere che edificano la diffidenza, diffidenza che è purtroppo un vero e proprio limite a volte, e sottolineo a volte, del tutto inutile.
Ciao Pino :-)
6
postato da , il
Per poi giungere a un sincretismo perplesso, utilissimo a fare il vuoto mentale non solo in se stesso, ma anche nei suoi seguaci. :)
    Giulio, come ti ho scritto senza tuttora ricevere risposta, il libro che non sono riuscito a ritirare l'ho comprato. Se ti fa piacere me lo sciroppo e ti comunico (nel tempo :) )una mia più documentata opinione (ma sarà difficile che sia completa: come si fa infatti a capire il pensiero di Osho senza aver letto tutti i 600 e passa libri che la sua mente fervidissima è stata capace di partorire a croce di alcuni e delizia di altri?). In caso contrario, ove già non lo possieda, lo proseguo a mio cugino Nico, maestro di yoga diplomato, che potrà per tal via incrementare le sue capacità di vuoto mentale.
     Il ritorno del libro, ad ogni modo, sfata il vecchio adagio popolare secondo cui "i libri dati in prestito posseggon la virtù gli amici di far perdere e non tornare più". L'amico non lo hai perso (malgrado Osho :), e il libro è tornato!  : )
5
postato da , il
Osho fa continui riferimenti all' induismo, al cristianesimo, al musulmanesimo, al buddismo e questo è segno che egli stesso, prima di mettersi a giocare a contraddirsi confutando o avvallando l' una o l' altra religione, ha dovuto erudirsi seriamente in merito.
4
postato da , il
Se non erro, questa frase è stata estrapolata da un libro che ho acquistato tempo fa e che, una volta terminato, ha fatto il giro d' Italia per poi tornare presso la mia abitazione ieri, dopo circa un mese. Potrebbe apparire uno strano metodo per riassaporare il gusto  di ciò che già possediamo, e probabilmente è davvero così, ma sono felice che il libro sia tornato a casa :-)
Il libro si intitola " yoga: il respiro dell' infinito" e ne consiglio la lettura a chiunque, ma specie a coloro che cercheranno di iniziare a leggerlo scrollandosi di dosso i pregiudizi o i preconcetti su questo autore che non è un filosofo, molti definiscono maestro e che si definisce un poeta.
Dai poeti, infatti, non ci si aspetta coerenza, non si pretende un sistema di pensiero coerente ed organizzato; loro possono tutt'al più  mettere in bilico le nostre certezze, poichè contraddicendosi continuamente, seppure continuamente asseriscono cose apparentemente giuste, distruggono ogni certezza e creano sulle cose il dubbio prima ed il vuoto poi.
3
postato da , il
Quanto poi al fatto che il passato funzioni... Mah, avrà funzionato forse per lui... Ma la maggior parte della gente che conosco, me compreso, o di riffe o di raffe è reduce da esperienza del tutto opposta. :(

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti