Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Io considero il mondo per quello che è: un..." di William Shakespeare


5
postato da , il
E dove qualcuno muove fili invisibili.......
4
postato da , il
Gli uomini del passato ne sanno più di noi perchè in fondo l'uomo è sempre lo stesso. Cambiano i paesaggi ma l'uomo che abbia il prato verde sotto i piedi o l'asfalto grigio non cambia. La letteratura poi è un bene di riuso, non di consumo, ci provca sempre emozioni nuove legate ai sensi e sono i sensi attraverso i quali noi ci rapportiamo al mondo , lo facciamo nostro.
3
postato da Deb73, il
...e ogni Romeo avra' la sua Giulietta !!!
2
postato da , il
È vero... Anche la Bibbia lo conferma (1 lettera ai Corinzi Capitolo 4 verso 9)
E quando si parla di ipocrisia - dal greco l'ipocrita non era altro che un attore che portava la maschera.....
Libro antico ma attualissimo e Shakespeare forse l'avrà anche letto.
1
postato da , il
avvolte mi chiedo come fanno,loro,uomini del passato a sapere più di noi...sarà perkè nessuno gg ci fà più caso?...

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti