Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "In fondo che cos'è, l'oggettività. Se non un..." di Violetta Serreli


62
postato da , il
:DDDD
61
postato da , il
Una nuova frase? Ottimo.
Ti consiglio una sintetica e conclusiva frase sulla soggettività dei giudizi oggettivi. Il dubbio, infatti, sull'oggettività dei giudizi soggettivi, sopra tutto quando gestito on line, può generare dipendenza patologica. : ))
     Buona Domenica, Violetta: prometto solennemente di non intervenire più (purché il Re non continui a proporre appelli, stuzzicando le mie sonnecchianti e quasi ormai del tutto sopite facoltà di elucubrazione : ).
60
postato da , il
povera me, non riesco a starvi dietro e ora mi devo pure inventar un'altra frase !!!!
59
postato da , il
Volendo invece tornare a parlare seriamente, devo dire che la frase che stiamo commentando appare in sintonia con la teoria del paradigma olografico, secondo cui la "realtà oggettiva" è "in realtà" inesistente.
"(...) l'aspetto più sbalorditivo del modello cerebrale olografico di Pribram è ciò che risulta unendolo alla teoria di Bohm.  Se la concretezza del mondo non è altro che una realtà secondaria e ciò che esiste non è altro che un turbine olografico di frequenze e se persino il cervello è solo un ologramma che seleziona alcune di queste frequenze trasformandole in percezioni sensoriali, cosa resta della realtà oggettiva?  In parole povere:  non esiste.  Come sostenuto dalle religioni e dalle filosofie orientali, il mondo materiale è una illusione.  Noi stessi pensiamo di essere entità fisiche che si muovono in un mondo fisico, ma tutto questo è pura illusione.  In realtà siamo una sorta di "ricevitori" che galleggiano in un caleidoscopico mare di frequenze e ciò che ne estraiamo lo trasformiamo magicamente in realtà fisica:  uno dei miliardi di "mondi" esistenti nel super-ologramma. "
Per un approfondimento e per le incredibili scoperte alla base di queste teorie, nonché per le loro implicazioni:
           www.xmx.it/universoillusione.htm

(Macché... tutte balle!!  VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA !!! : ))))
58
postato da , il
Ecco un modello-falsariga di commento indignato:
Bravi, continuate a occuparvi di questioni di lana caprina, mentre (...)
    (... porre qui l'aspetto sociale o ideologico che si ritiene trascurato: la crisi, la casta, il razzismo o il buonismo, i dolori o le furbizie del famoso condannato, la TAV che si ha da fare, la TAV che non si ha da fare, insomma tutto o il contrario di tutto, giacché tutti sono indignati).
Chiusura, invece, identica per tutti:
     VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti