Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Non mi piace Nietzsche perché ama la..." di Bertrand Arthur William Russell


492
postato da , il
Il ragionamento dei danni involontari potrebbe starci Giuseppe.
Ma allora il problema non è nicie, ma è di chi lo tiene in mano.
491
postato da , il
Quando affrontiamo queste tematiche mi capita quasi sempre di sentirmi piccola, nel senso che leggo, leggo ma mi sembra di correre su di un tapis roulant, non riesco mai a capire tutto e manca sempre un tassello che devo rincorrere. Ecco per me ascoltare gli altri significa arricchirmi, poi sono certa che il mio modo di vedere le cose sia sempre diverso dagli altri, ma diverso è il mio punto di vista. Ora ad esempio sto rileggendo Gente di Dublino e mi accorgo con orrore che quando lo lessi non capii niente. Dubbio amletico non sarà così anche per gli altri libri ?
490
postato da , il
Margherita, Nicie non insegnava a prendere le armi e combattere , ma a crearsi un nuovo corpo e una nuova mente. Nicie non voleva creare nessuna corrente. La corrente nefasta in realtà è una sua cattiva interpretazione o di coloro che lo hanno letto.
Nietzsche non aveva nulla a che vedere con la politica ne tanto meno con la manie di persecuzione.


DOVE NON SI PUO' AMARE BISOGNA PASSARE OLTRE.
APPUNTO , PASSARE OLTRE. Questo è tutt'altro che un elogio alla v-io-lenza o che dir si voglia.

E' come se domani am m-azzo qualcuno per la strada mentre ascolto battisti con le cuffie, e si dà la colpa a battisti se ho am-ma_zzato.

MA PER FAVORE ! :)))

mai ho sentito violenza nelle parole di nietzsche.Era molto più pacifista lui di tanti finti pacifisti. Se c'è una filosofia pericolosa  in questo mondo,  è quella dell'ipocrisia.
Secondo me il na*zismo ha preso spunto da se stesso. Certo, tra un uomo ombroso e un arlecchino, magari hanno preferito l'uomo ombroso. Ma questo centra poco secondo me.
489
postato da , il
Ma, a fronte dell'accaduto, la cosa fondamentale, a mio avviso, è trovare la maniera di avere opinioni diverse senza accapigliarsi.
    Nessuno infatti può essere, dal timore di doversi poi accapigliare, condotto a non esprimere la propria opinione. Cosa avvenuta sia nei regimi comunisti che nei regimi fascisti, e che noi tutti dobbiamo lottare per escludere dal nostro presente e dal nostro futuro.
    Io credo che le opinioni diverse siano la ricchezza, e non il male dell'umanità: alla stessa maniera in cui lo sono le varie razze e culture che sempre più coesistono nella nostra vita quotidiana. Culture le cui differenze purtroppo vanno sempre più assottigliandosi, in una omologazione mediatica che non eleva, ma annienta.
488
postato da , il
Se poi si pensa che la filosofia di N. è una delle matrici della filosofia esistenzialista di Sartre, con la nullificazione della coscienza eccetera, si vede a quante variazioni sul tema il suo sovvertimento dei valori abbia potuto dar luogo.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti