Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Non mi piace Nietzsche perché ama la..." di Bertrand Arthur William Russell


42
postato da , il
Mah , credo che gli appartenenti ad un qualche qualsiasi gruppo , non la pensino esattamente allo stesso modo.
Quando le circostanze , i fatti   confermano la teoria  ,gli appartenenti ad un gruppo del primo caso ( poniamo ad esempio il gruppo di americani che ha espulso gli indiani d' America dalle loro terre),  credono che le loro azioni e la loro superiorità produca bene  non solo per se stessi , ma per il bene generale. Nel secondo  caso  , invece , l' intensità con cui il superuomo desidera prova sentimenti è superiore a quella degli altri  milioni di " malriusciti" e " malsani"  uomini. Tuttavia la classe dei superuomini è indefinibile , sono solo la megalomania , la presunzione e la vanità  a definirle.
Io sono un superuomo e posso ammettere in tale cerchia persone che abbiano meriti approssimativamente simili ai miei , o di "  poteri" circa uguali ai miei.
41
postato da , il
Rispondendo a Giulio, sembra dunque che occorra abbandonare gli interessi di gruppo (tutti i tre atteggiamenti enumerati da Russell sono criticabili ed oggetto di critica) ed entrare in una visuale più ampia. E' proprio l'etica cristiana, non c'è dubbio alcuno, però senza fede, perché Russell era ateo.
     E allora ripeto ciò che vado sostenendo da tempo: la fede non consiste nel "credere", ma nel FARE OGNI SFORZO PER AGIRE SECONDO IL SEMPLICE CRITERIO ETICO su cui conviene l'apprezzamento di ogni uomo di buona volontà, sia o meno credente. Non sussiste quindi alcuna differenza tra il credente e il non credente, ma l'unica differenza esiste tra chi agisce e chi non agisce in conformità di quei principi.
     In tutta sincerità, credo per questo motivo che la diatriba tra fede e ateismo sia una inutile questione di lana caprina, che non porta e non porterà - come del resto non ha mai portato - nulla di buono.
40
postato da , il
Sapevo anche questo.
39
postato da , il
La realtà ha mille facce diverse, e sbaglia sempre chi ritiene di conoscerla tutta dopo averla osservata da un solo angolo visuale. Questo tuttavia è valido solo in sede di prima approssimazione, perché la verità è che la realtà siamo noi, ciascuno di noi; e ciascuno di noi, proprio come la realtà esterna, ha mille facce diverse.
38
postato da , il
PS:
Non si può cambiare un mondo con i cioccolatini.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti