Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Non mi piace Nietzsche perché ama la..." di Bertrand Arthur William Russell


47
postato da , il
Dunque, ricapitoliamo: l'anima, gli eroi, i vincitori, i santi, i geni non esistono e sono tutte fregature (più altre male parole). E in tutto ciò la verità è che ognuno tenta di tirare a campare e di avere fortuna.
     Ora, per quanto sopra andavo dicendo, MANCANO LE MOTIVAZIONI di queste affermazioni. Esse esprimono quindi null'altro che un'opinione. La quale opinione, però, ha un grandissimo difetto: quello di generalizzare. Al massimo infatti si potrebbe dire che eroi santi eccetera non se ne sono mai visti. Ma dedurre dal fatto che una cosa (o un certo tipo di persona) non la si è mai vista, il fatto che quella cosa o quella persona NON ESISTANO, è un pesante vizio logico, indizio di superficialità, se non di mala fede. Del pari, l'affermazione che ognuno tenti di tirare a campare e di avere fortuna rientra nello stesso festival dell'assurdo, innanzitutto perché per quanti uomini si siano conosciuti non li si è certo conosciuti tutti, in secondo luogo perché nessuno può sapere cosa realmente vi sia nella mente di un altro uomo, e peggio ancora di miliardi di altri uomini.
     Conclusione: si tratta di affermazioni ad effetto, che però valgono perfettamente NIENTE. Come ce ne sono migliaia, milioni nella moderna "letteratura".
     Perché la vera letteratura è quella che FA RIFLETTERE; non quella che enuncia come verità rivelate idee del tutto opinabili ammantandole di espressioni ad effetto (in questo l'arte della parolaccia è tipico viatico per condurre al convincimento talune categorie di persone: Grillo insegna).
     Io ti consiglio di riflettere su queste cose, e di tentare una ricostruzione non tanto delle tue convinzioni (sei naturalmente libero di avere quelle che ti pare), ma dei procedimenti che la tua mente ha usato ed usa per acquisirle. Potrebbe aprirsi dinanzi ai tuoi occhi un mondo nuovo, in cui ancora si possa nutrire un minimo di speranza.
46
postato da , il
Rispondendo a Pintus nel suo commento n 30, Io non mi sento ne predestinato ne fortunato ne speranzoso ne ambizioso. Qualsiasi termine tu possa attribuirmi resterà un tuo pensiero, non mio.
E mi perdonerai se userò una frase abbastanza dozzinale di un altro
ma che personalmente ho condiviso dal momento che mi ci sono ritrovato abbastanza:

L'anima non esiste, è tutta una fre*ga*tur*a. Gli eroi non esistono. I vincitori non esistono, è tutta una fregatura e una gran ca*g*ata. I santi non esistono, i geni non esistono son tutte fregature, tutte favole, è così che va avanti il giochetto. Ognuno cerca solo di tirare a campare e d'aver fortuna; se ci riesce. Il resto non sono che s*tr*on*za*te.

Buonanotte
45
postato da , il
Sono invece d'accordo con il fatto che due corpi profondamente diversi possano unirsi per cooperare insieme,  ma solo quando accade qualcosa che mira a colpire e a danneggiare entrambi.
44
postato da , il
La teoria del superuomo era un mito, e come tale non può essere definito nella realtà. inoltre la megalomania e la vanità sono molte soggettive. Un opinione non può essere calcolata con la matematica. E' probabile che non avessero nulla a che vedere con la vanità le parole di nietzsche, ma qualcuno possa averci visto presunzione o vanità perchè non ne ha compreso profondamente il senso.  Non a caso il libro era sottotitolato "per tutti e per nessuno" . Le parole hanno un peso...non trascuriamolo.
43
postato da , il
Alla stessa maniera in cui un violinista cui piace Brahms può tranquillamente suonare nella stessa orchestra di uno cui piace Bach, non esiste motivo per cui chi crede e chi non crede non possano cooperare insieme al bene comune. Ripeto: non esistono e non possono esistere, in questo campo, esclusive, né religiose, né filosofiche. C'è solo la semplice e lapalissiana legge del fare.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti