Commenti a San Martino di Giosuè Carducci


43
postato da , il
La lebbra agli irti colli
putrfacendo sale e ormai delle mie bale più traccia no, non c'è
Esce dall'obitorio si spande nei rioni il tanfo dei bubboni i nasi a rallegrar.
Gira sui ceppi accesi il morto scoppiettando ed il dottor contando le salme da inumar.
C'è chi a perso un braccio e chi ricerca un piede, ma anche chi si siede
le croste a mangiucchiar.
Anonimo Liceale
42
postato da , il
e meno male che andate a scuola......ma io non me la prendo con voi...ma con quelle bestie delle vostre maestre.......voi siete anime innocenti sono LORO che andrebbero messe al rogo, alla gogna.al pubblico ludibrio..e poi si lamentano pure!!!!
41
postato da , il
a bcbchdfugu meno male che vai a scuola manco sai scrive in italiano
40
postato da , il
Questa poesia e' bellissima l'ho studiata in terza media......
39
postato da , il
io sto in v xò l'ho studiata l'altro anno insieme ai due girovaghi

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti

Questo sito contribuisce alla audience di