Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Caso Marò. Gli italiani fanno gli indiani." di Giulio Pintus


18
postato da , il
L'India ha parlato di pena di morte....E se accadesse una cosa del genere?
17
postato da , il
Secondo me escludere anche solo una possibilità , tra le varie molteplici, sul reale avvenimento dei fatti  - fino a quando sarà dimostrato per certo - è sbagliato , sbagliato da parte di chi sarà  preposto a giudicare i due ragazzi , sbagliato da parte dei mass media , sbagliato da parte nostra.
Non si dovrebbe escludere la loro colpevolezza.
Non vi è nulla di ma le nel  supporre  che siano stati i due marò a sparare ai pescatori , uccidendoli , confondendoli per dei pirati .
I radar , al momento degli spari , hanno registrato  la presenza di altre cinque navi  "a tiro"  dei pescatori ,  delle quali però solo quella italiana ha commesso l' imperdonabile errore  di  accettare  di " uscire" dalle  acque internazionali , entrando in quelle indiane .
Ma a prescindere dalla verità della vicenda che  ancora non è stata accertata il  proclamarsi innocenti non ha alcun valore  , mi pare infatti che questa costituisca la linea difensiva di tutti i colpevoli e di quasi tutti gli  innocenti;  il tentativo dell' Italia di ritrarsi all' impegno preso con la parola data ha invece un grande valore ... negativo  però , una mossa che illumina il nostro Paese con una torbida e spregevole luce , simile a quella dei fari che "altri"  gli hanno puntato sulla scena internazionale  inficiando il concetto di giustizia;  concetto , la cui distorsione è a loro chiarissima.
16
postato da , il
Io penso che questa tragicomica si sarebbe potuta (anzi DOVUTA) evitare, se solo quei ragazzi non si fossero trovati su quella nave...
Qualcuno potrebbe dirmi: "è il loro lavoro. Sanno a quali rischi vanno incontro e devono mettere in conto anche questo"...ma credo ci siano tanti, troppi giovani militari impegnati nelle varie missioni di pace che di pacifico hanno ben poco.
È troppo semplicistico dire che sarebbe ora che tornassero tutti a casa e so che, per certi versi, non sarebbe giusto...ma mi immedesimo nel dramma che stanno vivendo le famiglie di questi due giovani e mi auguro che si possa sbrogliare questa complicata matassa...
15
postato da , il
Constatata la repentina chiusura delle comunicazioni radio, che lascia nel nebuloso sia il fatto-misfatto, sia ogni altra considerazione; poiché è mio costume esaminare a fondo le cose, vorrei chiarire alcuni punti:
1) Il  CREDERE e il NON CREDERE alla versione dei fatti fornita dei due militari  mi sembrano (e sono) due atteggiamenti di pari valore; se volessimo fermarci ai quali rimarremmo fermi al giudizio di Ponzio Pilato: "chi volete libero, Gesù o Barabba?", con decisione ultima ai mutevoli e manovrabili umori della plebe. Per FORTUNA, invece, ci sono i tribunali e le corti di giustizia : consessi che emettono sentenze in base ad accertamenti, prove e conoscenza delle norme.
2) nel caso specifico, i reciproci atteggiamenti dell'India e dell'Italia testimoniano, ove ve ne fosse stato bisogno, la perdurante e cronica velletarietà del diritto internazionale, branca del diritto splendida e improntata a princìpi superiori, ma che non trova applicazione per via del solito problema della incoercibilità degli Stati sovrani, problema cui l'ONU, e la sua antenata Società delle nazioni, si sono rivelati ormai da quasi un secolo inadeguati. L'ideale sarebbe infatti affidare il giudizio sulla vicenda ad un organo internazionale super partes; ma la via a quanto pare non è stata praticata o non è praticabile;
3) l'atteggiamento del governo italiano in proposito appare da operetta, prima nel trattenere i due militari lasciati liberi di venire a votare in Italia (contravvenendo con ciò alla parola data all'India), poi nel "calare le braghe" di fronte alla ferma ritorsione indiana di negare al nostro ambasciatore ogni permesso di lasciare il territorio indiano. Una cosa umiliante al punto tale da rendere risibile un'intera nazione, e da esporre quei due poveri cristi, in maniera oltretutto estremamente ipocrita, alle inimmaginabili conseguenze che potrebbero loro derivare dal non essere cittadini di una nazione credibile.
4) In questo contesto, è comprensibilissima la reazione degli ambienti militari, vedutisi traditi e ridicolizzati da questo continuo andare da Erode a Pilato di due servitori dello Stato, in quanto tali credibili fino a prova contraria. Sarebbe stato e sarebbe tuttavia molto più opportuno, per i suddetti ambienti militari, puntualizzare chiaramente le evidenti pecche emerse da parte degli ambienti politici, piuttosto che evidenziare le doti dei due sottufficiali, in ogni caso tuttora sottoposti a giudizio per un fatto di reato, e non semplicemente prigionieri di una nazione straniera. Insomma sostegno morale sì; ma non lodi, per favore, almeno per ora. Nel che emerge, purtroppo, almeno agli occhi dell'opinione pubblica, quel CREDERE di cui parlavo al punto 1, che, al pari del NON CREDERE, appartiene ad atteggiamenti di estrazione superficiale e di parte, che mal si sposano con i ruoli rivestiti da coloro che li hanno espressi.
     E qui passo e chiudo anch'io.
     Senza Roger, di cui, in quanto convinto anti militarista (ivi inclusi i relativi alfabeti fonetici) sin dalla più tenera età, preferisco non avvalermi.
14
postato da , il
Questo non lo sapevo. Hanno sparato su ordine di qualcuno che era a bordo? E di chi?

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti