Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Forse dovrei prendere esempio da coloro i..." di Miriam Zizzo


10
postato da , il
E' più difficile negare , dici... Beh , io credo che sia senza dubbio più complicato argomentare tale negazione  ed il motivo è chiaro , per chiarire a parole un simile pensiero - a parte l' abilità linguistica e le conoscenze teologiche e filosofiche - è necessario rimugginare su tale questione , ponendosi domande su domande , su domande  delle domande e altre ancora .
La maggior parte delle persone odia porsi troppe domande.
Inoltre se arrivasse la notizia certa che Dio non esiste, solo coloro che sanno già di non averne bisogno  non faticherebbero per convincersene , insomma per "credere"...fortunatamente comunque, Dio esiste ,, speriamo,,, tra le stelle ...
9
postato da , il
Margherita, con la tua ultima osservazione hai abilmente riassunto tutto il problema!! :)
Condivido. Ciao!
8
postato da , il
Mia cara, cara Miriam sei più cristiana tu di una Chiesa piena di fedeli. Penso che il vero buon Cristiano 'debba' porsi dei dubbi, la fede incondizionata mi fa pensare ad una sorta
di malattia mistica. Naturalmente non ho nulla da insegnare a nessuno visto che non mi pongo interrogativi, ma ti conosco e so che la bontà, la generosità, l'abnegazione e l'umiltà che possiedi, se esiste un Dio non può che renderlo orgoglioso di te.
In ogni caso io non mi sento atea , credo in molte cose questo non fa di me una Cattolica ma non mi rende atea. Poniti tutti i dubbi che vuoi ma con serenità, nulla è più lontano da te che non 'essere una buona Cristiana.

Maria, in effetti il buon Cristiano dovrebbe seguire la dottrina di Cristo, ma quanti Cattolici
conosci che seguono fedelmente le sue regole ? Ma sopratutto quanta differenza c'è tra la dottrina Cristiana e i dettami Cattolici ?
7
postato da , il
E' più difficile negare , dici... Beh , io credo che sia senza dubbio più complicato argomentare tale convinzione  ed il motivo è chiaro , per chiarire a parole un simile pensiero - a parte l' abilità linguistica e le conoscenze teologiche e filosofiche - è necessario rimugginare su tale questione , ponendosi domande su domande , su domande  delle domande e altre ancora .
La maggior parte delle persone odia porsi troppe domande.
Inoltre se arrivasse la notizia certa che Dio non esiste, solo coloro che sanno già di non averne bisogno  non faticherebbero per convincersene , insomma per "credere"...fortunatamente comunque, Dio esiste ,, speriamo,,, tra le stelle .
6
postato da , il
Chi si definisce ateo, per mia personale esperienza, rifiuta di credere ad un Dio precostituito, affibbiato da altri, insegnato come una poesia nelle scuole. Un Dio che non c'è per il semplice fatto che non gli appartiene.Questo non esula mai il suddetto "ateo" dal nutrire una profondissima spiritualità, talvolta assai più virtuosa di un "credente classico" qualsiasi.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti