Commenti a Colui che non può amare di Dario Pautasso


11
postato da , il
Ciao Dario, mi sento di aggiungere un altro commento partendo dal fatto che io sono orgolioso della mia sensibilita' che come tutte le altre carattestiche personali ha il suo rovescio e quindi non vedo la tua riflessione come un lamento, ma come un tuo pensiero personale scaturito da un tuo reale vissuto! Molti hanno valutato delle mie riflessioni come 'sfoghi personali', ma ti assicuro che ho lottato con me stesso, il mio peggiore critico, per non pubblicarli proprio per quella natura liberatoria! Comunque nessuno dovrebbe ridere di te o della tua bellissima poesia, della tua perdita, la capacita' d'amare!
Anch'io ho vissuto la stessa emozione ,probabilmente in circostanze diverse, ma non perdere la speranza...ti posso confermare che puoi puoi ritrovare quella capacita', ma bisogna avere pazienza e capire la vera causa della situazione.  Anche se il mio percoso verso l'amore, nella capacita' di donarlo e riceverlo, e' tuttora in corso, io ci sono riuscito solo quando ho cominciato ad amare me stesso... Se vuoi continuare questo discorso, contattami pure, ma per momento ti auguro una buon inizio settimana ...alla prossima ciaoo da Robert
10
postato da , il
Bè, il mondo non è proprio per i "sensibili", lo dice la legge stessa di natura, che premia i più sicuri e i più intraprendenti. per cui non vorrei nemmeno cadere nell'elogio stantio della sensibilità. :)  Ma...non voglio che mi si legga come un lamento, ahimè no!, semplicemente volevo che mi si narrasse dell'amore, perchè credo di aver scordato cosa sia. E in effetti, un po', fa male....
9
postato da , il
Caro Dario nessuno dovrebbe ridere dei sentimenti altrui, sia per quelli gioiosi che dolorosi.
Tornerà la capacità d'amare e tornerà anche il piacere nel riceverlo. Ogni cosa ha il tuo tempo e ogni tempo vive il suo momento.
8
postato da , il
Esiste qualcosa che si chiama sensibilità..se qualcuno ride di te,è perchè non la possiede..Ciao!
7
postato da , il
Ciao Robert. Ho ben inteso cosa mi vuoi dire. Ci sono persone che per una "debolezza", che può essere di tipo assai differente, hanno perso anche la capacità, così genuina e primitiva dell'amore. Io credo di averla persa qualche anno fa...ed è inutile che ti dica il motivo, parrebbe banale ad occhi altrui. Ma so per certo cosa significhi una vita che non contiene amore (non tanto per l'impossibilità di prenderlo, quanto per quella di darlo): è una vita che non ha più il motivo stesso d'esistere. Alcuni propbabilmente rideranno di me...di quel che dico: pazienza.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti

Questo sito contribuisce alla audience di