Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Colui che non può amare di Dario Pautasso


15
postato da , il
Grazie Patrizia, anche per aver riportato la questione ad un piano meno misterioso. :)
la notte ci rende molto più coraggiosi, e aperti, sinceri e comunicativi... quasi quasi torniamo ad esser bambini!
14
postato da , il
Per me 5 stelle
perchè è vera parla di verità come di notte è più facile raccontare e descrivere certe emozioni ..

bravo !!!
13
postato da , il
Beh ragazzi, è molto eloquente il vostro discorso, e vi ringrazio.
Vedete certuni son buoni a scagliare nel passato un "corpo" dietro l'altro, hanno un passo, un incedere che quasi disarma per la sua instancabilità. ma c'è chi ha il terrore di gettar dietro un solo capello, e di fronte ad una montagna non alza lo sguardo per ammirarne gioioso le linee e i passi o le vette innevate, ma si china per paura di piangere.
12
postato da , il
Piaciuta, quindi l'ho votata ed ora mi permetto anche di commentarla. Le delusioni ci fanno male e, a volte, anche capire che non sempre possiamo avere ciò che desideriamo, e la paura di amare nasce o rinasce ogni volta in cui cuore e cervello si parlano. Ma, da un altro lato, nonostante la mia immaturità, ho imparato che la vita è talmente imprevedibile, piena di cambiamenti che il "mai" e il "per sempre" sono parole praticamente usate o dette solo per la teoria. L'importante Dario, è che le tue sono righe che alla fine si trasformano sempre in poesia, ed è per provare a scriverle o commentarle che ci siamo iscritti a questo sito web o a qualche altro del genere. '-)
11
postato da , il
Ciao Dario, mi sento di aggiungere un altro commento partendo dal fatto che io sono orgolioso della mia sensibilita' che come tutte le altre carattestiche personali ha il suo rovescio e quindi non vedo la tua riflessione come un lamento, ma come un tuo pensiero personale scaturito da un tuo reale vissuto! Molti hanno valutato delle mie riflessioni come 'sfoghi personali', ma ti assicuro che ho lottato con me stesso, il mio peggiore critico, per non pubblicarli proprio per quella natura liberatoria! Comunque nessuno dovrebbe ridere di te o della tua bellissima poesia, della tua perdita, la capacita' d'amare!
Anch'io ho vissuto la stessa emozione ,probabilmente in circostanze diverse, ma non perdere la speranza...ti posso confermare che puoi puoi ritrovare quella capacita', ma bisogna avere pazienza e capire la vera causa della situazione.  Anche se il mio percoso verso l'amore, nella capacita' di donarlo e riceverlo, e' tuttora in corso, io ci sono riuscito solo quando ho cominciato ad amare me stesso... Se vuoi continuare questo discorso, contattami pure, ma per momento ti auguro una buon inizio settimana ...alla prossima ciaoo da Robert

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti