Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Le persone geniali possono essere estremamente..." di Giuseppe Freda


18
postato da , il
Non è un caso che abbia tenuto per ultima Silvana Stremiz. Oltre infatti che ringraziarla per la visita (e per la concordia che ha espresso col mio pensiero), mi sento con lei da tempo in debito di un discorso particolare.
    E il discorso, Silvana, è in brevi parole il seguente: ho avuto modo personalmente, non su PP ma su facebook, di sperimentare la volgarità, l'offensività e l'inconsistenza sia artistica che culturale dell'innominabile in cui favore a suo tempo spezzai la mia lancia, ritenendolo vittima di una immotivata esclusione. Oggi, che, quell'esclusione mi trova del tutto concorde, sento il dovere di esprimerti pubblicamente la mia piena solidarietà per le offese subìte, in uno alle mie scuse per aver immaginato che,nella circostanza, avesse potuto aver luogo un immotivato ostracismo.
    Nel merito poi del discorso che andiamo svolgendo, è mia opinione che quella persona, da tanti ritenuta "geniale", sia del tutto priva di una tale caratteristica, per un semplicissimo motivo, già in precedenza accennato: egli tende a crearsi un seguito, si autodefinisce scrittore, aforista, artista, poeta e non so più cosa altro, mentre come dicevo, per sperimentata esperienza le persone geniali sono fondamentalmente schive e condotte di loro natura all'autocritica: cosa che nel modo più assoluto difetta a chi ritenga di essere perennemente nella ragione, e non si volga a rivisitare le proprie basi artistiche e culturali allo scopo di individuare i propri errori e non più commetterli.
17
postato da , il
Pino
         6
         1 stella
       in Movimento
16
postato da , il
Con Dario sono perfettamente d'accordo. Se escludessimo dalla storia umana le persone geniali, l'umanità diventerebbe una sorta di carro privo di cavalli. Sono infatti queste persone, sia nel bene che nel male (e talvolta, come giustamente dici, anche solo per contrasto), il traino della carovana.
15
postato da , il
Per Vincenzo: come fai a sapere a chi io mi riferisco, se io stesso non lo so? : )) Se me lo dici, ti giuro e ti spergiuro che non è vero!  : ))
14
postato da , il
Anche tu, Miriam, mi pare colga chiaramente la pericolosità del genio, e la sua intolleranza per ogni limite.
    Fatto sta che, nella storia dell'umanità, spesso leoni e tigri sono scesi nell'abitato; ed ogni volta si è trovato qualcuno che le abbia cavalcate, nel che, se può essere anche ravvisata una qualche necessità, NON risiede propriamente quell'ideale di serenità cui tutti tendiamo; anche perché, alla fine, leoni e tigri, se li cavalca uno, finiamo di riffe o di raffe per cavalcarli tutti noi.
    Speriamo almeno che le fiere, se sbraneranno, sbranino solo i geni cavallerizzi, e risparmino noi poveri m0rtali !!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti