Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Mi bruci per quel che predico è una fine che..." di Galileo Galilei


18
postato da , il
Beh, ti sei comportato benissimo... Mi pare che fuori della Chiesa, si siano posti quei preti... Spesso anche molti papi sono stati fuori della Chiesa.
17
postato da , il
Con una decisione senza precedenti nella Chiesa Cattolica americana, l'arcivescovo di Los Angeles ha annunciato di aver sollevato il suo predecessore, cardinale Roger Mahony, da tutti i suoi impegni pubblici nella Chiesa per la cattiva gestione dei presunti abusi sessuali su bambini negli anni '80. L'annuncio è arrivato in contemporanea con la pubblicazione sul sito della diocesi di decine di migliaia di documenti riguardanti il modo in cui la Chiesa gestì le sorti di 122 sacerdoti accusati di molestie.....ed è solo l'inizio
16
postato da , il
non posso accettare il tuo consiglio,ti dico un solo esempio.....nel 2003 muore una ragazza di una frazione di un paese(citta' turistica),quindi viene chiamato il prete della frazione per svolgere isuoi doveri....non è andatonon era sua competenza,hanno dovuto aspettare il prete del paesino accanto(dista 6km),questo prete xo' celebra messa e cerca offerte,sai io un'offerta la darei ma so dove io..
dinnanzi a Dio saro' valutato per come mi son comportato....non accetto lezioni da preti(articoli di giornali hanno pubblicato vicende di preti pedofili,o preti che accusano ledonne xkè son loro che con i vestiti inducono l'uomo a violentarle)
15
postato da , il
Il cristianesimo (quello vero) è una religione sociale, e una religione del fare: fare agli altri ciò che si vorrebbe che gli altri facessero a noi (e non fare ciò che non si vorrebbe che gli altri facessero a noi). Quanto poi al rapporto con Dio, esso si identifica nel rapporto con gli altri (lo stesso Gesù dice che qualsiasi cosa sia stata fatta agli altri, è come fosse stata fatta a Lui, sia nel bene che nel male). E' questa la pietra di paragone con cui dobbiamo confrontarci.
     Ma nel confronto siamo spesso, troppo spesso perdenti. E' su questa nostra debolezza che si fonda l'esigenza dell' "ovile comune" che è la Chiesa, con i suoi ausilli didascalici, sacramentali, dottrinali, esteriori, eccetera eccetera. Un'ovile fatto per le pecore, ma purtroppo governato solo raramente da pastori, e molto più spesso da lupi.  Dunque non è la Chiesa il male, anzi essa è un'ottima cosa: il male è (come del resto avviene anche per la politica) che le pecore siano... pecoroni, nel caso di specie perché privi di autonoma luce interiore e di rapporto personale con Dio, cioè con se stessi e con gli altri.
      Se posso dunque darti un consiglio, non uscire dalla Chiesa; ma anzi rivendica a voce alta la tua appartenenza ad essa (chiunque creda in Gesù Cristo vi appartiene), combattendo però senza pietà il male ed i lupi, ovunque in essa si annidino. Perché il male ed i lupi che si annidano nella Chiesa sono mille volte peggiori e più pericolosi di tutti i mali e di tutti i lupi, giacché inquinano le falde acquifere del cristianesimo.
14
postato da , il
infatti,cattolico non praticante,la penso come te.
non son ne eretico,ne un uomo di chiesa,credo che la chiesa ha il potere,il vaticano ha potere,anche il governo ha potere,quindi,,,,,,,,
nella storia passarta ci son stati tanti patti tra uomini di chiesa e re,capi di stato.
c'era un papache voleva dar ricchezze ai poveri,non ti dicocheha dovuto subire..

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti