Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Ho sognato che percorrevo il tunnel tra l..." di Jean-Paul Malfatti


3
postato da , il
Concordo con la tua opinione, Paolino. Esistono sogni che destano grande impressione, e di cui si conserva un nitido ricordo; altri non si percepiscono neanche come sogni, ma come vere e proprie visioni tra veglia e sonno. Spesso si tratta di sogni premonitori, o che denotano  "contatti" che è molto difficile, per chi li vive, poter negare.
    Vorrei poi evidenziare che la famosa esperienza del tunnel, tipica dei casi di pre-m0rte (ho avuto modo di parlare con diverse persone che l'hanno vissuta), è evidentemente molto antica, come testimonia una inequivocabile tavola del pittore olandese quattrocentesco Hyeronimus Bosch, l'ascesi all'Empireo, oggi conservata al palazzo Ducale di Venezia.
2
postato da , il
Carissimo Robert, autofinanziante grazie per averla letta, apprezzata e commentata. Secondo la psicologia moderna, il sogno è una forma particolare di pensiero in cui non ci sembra di pensare bensì di vivere, accettando in buona fede delle allucinazioni. Tuttavia, nella mia umile opinione, il sogno è una delle più antiche espressioni dell'attività dell'anima; non è qualcosa del passato, ma sempre qualcosa di presente che vuole esprimersi. Ancora, secondo me, il sogno è anche un viaggio dello spirito alla continua ricerca di se stesso, ed in questo caso i sogni sono più chiari e realistici. Da un altro lato, e in parte in contraddizione con questo, i sogni confusi sono attribuiti ad una confusione mentale generata dai problemi di ogni giorno e dai desideri non realizzati o realizzati in modo incompleto.

Non sono uno psicologo né, tantomeno, un esperto in oniromanzia, ma in base alle sensazioni che provo durante il sogno, ci sono sogni che non sono semplici sogni...sono invece ricordi di incontri extra fisici tra le anime che si amano o si odiano. Per questo è sempre meglio amare che odiare.

Grazie ancora, un forte abbraccio e uno splendido 2013! '-)
1
postato da , il
Caro Paolino, leggendo di questo tua interessante ‘riflessione’, continuavo  a rimuginare su quello che tu hai sognato, forse perche’ l’ho sognato anch’io, ma in un contesto diverso! Anche se il mio sogno era un mio incubo ricorrente per anni, solo recentemente sono arrivato alla sua corretta interpretazione. Dopo una lunga analisi ed introspezione psicologica, ti confermo che sognare la propria morte, o un imminente trapasso nell’ aldila’, e’ molto positivo perche’ representa il proprio processo di rinnovamento o di cambiamento  e dunque  della morte del  ‘vecchio’ io a favore della nascita di uno ‘nuovo’! Probabilmente non era la tua ora, come non era neanche la mia, ma forse entrambi abbiamo sognato questo sogno a seguito delle trasformazioni che ci stanno succedendo nella ns. vita! Comunque il tuo bel pensiero ha stimolato la mia curiosita' del mondo onirico,quindi mi i piacerebbe sapere che cosa ne pensi ?
A presto,  ciao  Robert

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti