Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Ognuno ha il proprio senso del giusto ma il..." di Silvana Stremiz

Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati

9
postato da , il
E invece sì.
Nella mia qualità di facente funzioni dell'autore della frase (non per incarico ricevuto, ma volontariamente, a titolo di gratuita negotiorum gestio), tengo a dire che la frase a ben vedere dice che il Nord esiste ma non dice dove esso si trovi né come si faccia a trovarlo, il che può in effetti lasciare delusi, anzi addirittura inquieti quei pochi "giusti" che davvero si preoccupano, anziché di tirare l'acqua al proprio mulino, di capire cosa il giusto sia; e dunque istigarli ad atteggiamenti potenzialmente violenti, assolutamente da evitare: nel che è il motivo di urgenza e indifferibilità della negotiorum gestio di cui sopra.
     Ebbene, in effetti il giusto, oltre ad essere variabile SOGGETTIVAMENTE, è anche variabile OGGETTIVAMENTE: rapinare è reato, ma non era forse giusto, quanto alla leggenda di Robin Hood, rapinare gli sgherri per restituire ai poveri il maltolto (chi ha orecchie da intendere, intenda quanto all'IMU... :)? E solo i farisei (e ce ne sono sempre tanti) potevano pensare che un paralitico non fosse da guarire in giorno di Sabato, perché al Sabato gli ebrei, come statuito da Jahvè per bocca di Mosé, non possono lavorare.
     Non esiste in verità giustizia alcuna senza amore del prossimo; viceversa, l'amore del prossimo è l'UNICO parametro di ciò che è giusto e di ciò che è ingiusto; ma si tratta di un parametro da applicare CASO PER CASO, e dunque con diversi significati volta per volta. Nella mia qualità di gestore della frase altrui (per silenzio-assenso dell'interessata), dichiaro dunque che ERA SICURAMENTE QUESTO L'UNICO SENSO POSSIBILE della frase stessa, e che, naturalmente, non ci voleva molto a capirlo. Lungi dunque dall'esprimere una gratuita salomonata, la frase in questione tocca, sia pur in un sintetico linguaggio ad effetto di pretto stampo aforistico, i vertici dell'umana e divina sapienza.
     Non si comprende tuttavia l'intento della virgolettatura finale, che parrebbe quasi rivestire le parole "solo significato" di un senso criptato e sui generis, quasi per soli iniziati o addirittura minaccioso; ma evito di azzardare ipotesi, poiché da un gestore dei negozi altrui non si può poi pretendere l'impossibile. : (
8
postato da , il
..non nutro in proposito " Grandi speranze"  :-(
7
postato da , il
A mio parere non è assolutamente ed universalmente  giusto non avere una delucidazione  in merito al significato  della frase , dall' unica che potrebbe fornirla e cioè  l' autrice.
6
postato da , il
I Tribunali civili esistono proprio perché ciascuna delle parti del processo ritiene di avere ragione, cioè di essere nel giusto.
    Se il giusto avesse un solo significato, non vi sarebbe differenza tra i "sensi del giusto" di ciascuno, e (Deo gratias) non vi sarebbero Tribunali civili.
     Miei cari "giusti", non si scappa, delle due l'una: o il giusto è soggettivo, e dunque non ha un solo significato; o ha un unico significato, ma questo significato non è riconoscibile da tutti, e  pertanto non è unico se non al livello soggettivo di chi lo ritiene unico: e quindi è di nuovo soggettivo, con buona e definitiva pace del "giusto universale".
     Conclusione (e immoralità): IL CONCETTO DI " GIUSTO " E' LA MIGLIOR MASCHERA INVENTATA DALL'UOMO PER AMMANTARE DI BENE GLI INTERESSI PROPRI E DEI PROPRI AMICI: LEGISLATORI, TRIBUNALI  E PRELATI DI OGNI RELIGIONE COMPRESI.
     Ciò detto, ed in attesa che l'autore della frase ci chiarisca il concetto di "giusto assoluto" SECONDO LUI, ci risentiremo... quando sarà GIUSTO risentirci. Perché per ora il concetto di giusto UNIVERSALE dice anche a me, come a lui ed a tutti, che E' GIUSTO che io mi occupi delle MIE giuste, obiettive e totalmente disinteressate occupazioni, cioè dei fattaxxi miei.     : ))
5
postato da , il
il vero giusto è ciò che si avvale del rispetto altrui e che non fa ad altri e non desidera per altri ciò che non farebbe per lui o che non desidererebbe mai!

Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati