Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "I Tecnici: Sono abili, professionali e freddi..." di Giulio Pintus


51
postato da , il
Giulio, non ho aggiunto "...come se stesso"
perché l'essere umano non è abituato al rispetto di se stesso,  necessita di una nuova Religione.
L'essere umano è abituato ad amare se stesso "narcisisticamente" e ad  usare il prossimo in quanto ama se stesso. .
50
postato da , il
Anche nella formula suggerita da Flavia (il  rispetto del prossimo che sostituisca  l'ipocrita formula  "ama il prossimo tuo.... ") - occorrerebbe che il rispetto fosse rivolto in primis a se stessi. Questo apporterebbe due vantaggi : il primo sarebbe quello di FARSI rispettare , attendendosi poco dagli altri e , purtroppo, ancor meno  dal proprio Paese; il secondo vantaggio sarebbe conseguente al primo , difatti se tutti i popoli ottenessero - haimè pretendendoli con la forza- i loro diritti , non ci sarebbe la necessità di apporre misure drastiche ma palliative, come quelle che sono state prese in Europa,  poichè il vero problema è ritenere legittima la concorrenza indegna e mor*tificante , operata non grazie alle capacità ma alla sottrazione delle tutele e dei diritti umani , il cui livello minimo  dovrebbe essere garantito universalmente
49
postato da , il
Sono d'accordo Pino la questione Medio Orientale è cruciale. I famosi venti di Primavera tanto osannati che dovevano spirare  fino a noi e aprire le porte
a nuove democrazie sono stati tacitati dai media. Cinquant'anni di pace Europea
(farsa del Premio Nobel per la pace) sono troppi, l'economia sprofonda nel benessere. I capitali necessitano di trasfusione di sangue nuovo. Non occorrono
bombe per distruggere una Nazione è sufficiente comprarla, pezzo a pezzo in modo da dar poco nell'occhio.  Neppure la speranza degli alieni ci potrebbe
consolare penso che basterebbe loro gettare un 'occhiata per decidere di restare dove sono.
48
postato da , il
Siamo talmente caduti in decadenza che il solo pensiero che ci può venire in mente per sentirsi liberi è quello dello sprofondare all'inferno! Non si intravede una via per migliorare....nessuno vuole rinunciare a ciò che ha....
E spogliarsi un pò per volta è più "eccitante" che farlo in un sol botto ma, alla fine il risultato è che si resta senza mutande e nudi.......questo sarà un ritorno alla vergogna, altrimenti non si capisce che bisogno ci fosse stato di coprirsi, e con la vergogna viene anche la ricerca e con la ricerca ci si riveste magari con una nuova veste fatta di foglie...... che d'autunno seccano e si ritorna nudi ma, in equilibrio con la natura!
47
postato da , il
Sulle nostre teste volano interessi, fatti e situazioni  a noi del tutto sconosciute, ed in grado di mandarci gambe all'aria da un momento all'altro. E senza preavviso.
     Volavano anche sulle teste di Berlusconi, del suo sorridente ed insieme arcigno e sinistro delfino, di Bersani, di Fini e di quant'altri: tutti costretti, sia pur stizzosamente, a farsi da parte con tra le gambe chilometriche code di paglia...  Farsi da parte... di fronte ai "tecnici", dite? A me pare si siano dovuti fare da parte di fronte alla Germania e agli Stati Uniti, cui i "tecnici" presto scioglieranno i calzari e laveranno i piedi. A nostre spese, naturalmente.
     Di fronte a questa situazione, il vero problema è capire cosa voli sulle teste della Germania e degli Stati Uniti...
     Ma anche questo mi sembra chiaro: volano la marea gialla, da decenni preannunciata ed oggi ricca, potente, alle porte, peggio di uno tsunami; e la marea araba, cui ormai non resta, di fronte alla globalizzazione che ne rode sempre più la credibilità e dignità, che brandire le sue scimitarre (o bombe atomiche che dir si voglia); il tutto con la complicanza Israele, la predestinata, la depositaria di verità, che prima o poi ci trascinerà tutti sulla piana di Armagheddon.
       Soffiano insomma venti orientali, amici miei. Zoppi venti di guerra (per ricordare uno sceneggiato di tanti anni fa).
      A quando la fine della civiltà occidentale? E' presto per dirlo, ma il destino è segnato.
      A meno che... sulle teste di tutti non voli qualcos'altro, che riesca a mettere tutti d'accordo.
      Astronavi? Sarebbe questa, ormai, l'unica incarnazione possibile dell'insperabile eracliteo.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti