Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Amo chi mi ama e amo chi non mi ama..." di Maria De Benedictis


28
postato da , il
Io non penso che sia carità cristiana, sono sempre stata così, fin da piccola!
Ho sempre pensato che l'odio porti al male peggiore perchè è un suggeritore silenzioso e malevolo che ti suggerisce di accrescere, anche lentamente, il rancore che si trasforma in voglia di vendetta e a volte ti fa arrivare a realizzarla per poi renderti conto che hai sbagliato, che cmq quella sensazione di libertà da quell'odio ti ha lasciato un senso di vuoto e di sensazione di colpa che scalfisce dentro e picchietta fin che l'anima, la coscienza la ragione o come preferisci tu , ti rendono il conto e cioè che non è servito a niente essere come chi ha agito male nei tuoi confronti, ricorda che chi fa del male è perchè lo ha ricevuto in qualche modo...
Non avrei nessuna pietà verso chi violentasse una bambina, se la giustizia buttasse la chiave della cella non andrei a raccoglierla, ma nemmeno lo odierei per non somigliare a lui!
Mi concentrerei ad aiutare la ragazza al meglio...
L'amore carissima amica non è solo generale ,ma anche soggettivo ed io penso di essere un soggetto difettato, perchè mi rendo conto di avere troppi lividi!
Preferirei essere ferma e decisa come te, ma me ne pentirei un attimo dopo...
E' complicato da spiegare in parole, ma di certo l'amore in senso universale porta una certa sofferenza oltre che sacrificio!
27
postato da , il
Cara maria, ho compreso la tua posizione, allora dovrai convenire con me che la parola amore è una
parola generalizzata così come l'odio. Mille sfumature  tra i sentimenti, odio, amore, perdono, comprensione,
indifferenza, alla fine è quello che intendevo dire io i sentimenti non sono cosa semplice da etichettare.
Diciamo che anche l'odio è un sentimento da riservare a chi veramente lo merita. Ma io opto per l'indifferenza
nei casi in cui possa permettermelo, nei casi gravi che ho citato nel mio commento , non esiste perdono,
tolleranza o comprensione, in quei casi estremi, potendo, tornerei a dente per dente occhio per occhio.
Spiacente non sono dotata di carità cristiana.
26
postato da , il
Giusto sir, l'unica differenza è che una persona che mi odia arriva a farmi pena e gli vado incontro e l'aiuto pure, pur sapendo che riceverò un altro calcio nel didietro...non riesco ad odiare chi mi fa grandi mancanze o chi so che gli sto sullo stomaco e finge una pacata simpatia o chi mi sfrutta per l'occasione...posso anche reagire, ma poi mi passa tutto, mi riaffeziono e prendo ancora calci...non riesco ad odiare e a volte so che dovrei, ma che ci posso fare !
25
postato da , il
L'ho riletto Marg e tu dici che saresti almeno indifferente a un uomo che violenta, che combatteresti con l'indifferenza al posto dell'odio.
In questo caso però non si potrebbe essere indifferenti davanti ad un uomo di tale natura...io non saprei odiarlo , ma nemmeno esserci indifferente!
Se la giustizia gli facesse pagare la sua colpa allora sì, ma siccome nella stragrande maggioranza dei casi non è così, io proverei tanta rabbia e glielo farei capire e come!!!
Glielo ricorderei con i miei sguardi attenti e severi per metterlo sempre sull'attenti che nessuno cmq dimentica chi sei e cosa hai fatto, perchè ci sono cose che si possono perdonare , ma ci sono cose  che non si possono perdonare solo per il fatto di non poter aver più fiducia in una persona che si è macchiata di un peccato simile...per non dargli un'altra occasione di ripeterlo e sappiamo anche che uomini così sono recidivi!
24
postato da , il
Maria ti prego di  rileggere il mio commento n. 15. Non conosco l'odio nè mi interessa conoscere quello
altrui. ciao

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti