Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Un anziano signore, stanco di spendere cifre..." di Miriam Zizzo


7
postato da , il
Da due giorni tento inutilmente di mandare un commento ma non ci riesco... troppo lungo... boh
6
postato da , il
Hai ragione mio caro amico. Premesso che ti stimo per le parole amorevoli che (nonostante la fatica che comporta) riesci a esprimere nei confronti della gestione di un anziano, vorrei sottolineare che spesso sottovalutiamo il fatto che la vecchiaia è una vera e propria patologia ed è inutile che ci arrabbiamo o che tendiamo a sforzare l'anziano a ragionare come un ventenne. Non può più...e non per colpa sua. cercare di spronarlo a reagire è come continuare a girare la chiave di una macchina che non parte, l'unico effetto è di scaricare ancora di più la batteria. Quindi è inutile sgridare, esortare, discutere.
L'unica medicina possibile è l'amore e tanta tanta pazienza.
Certo la cosa migliore, quando è possibile, sarebbe tenerli in casa nel loro ambiente e circondati dall' affetto dei propri cari, ma non me la sento di demonizzare le strutture come quelle per la quale tu lavori, soprattutto se affidate a personale come te...
ciao amico... :-)
5
postato da , il
Ciao Miriam, siccome sei entrata nel mio campo mi permetto di entrare nella discussione, lavorando in una casa di cura mi e' capitato di rispondere a qualche collega che mi chiedeva "e' incontinente?" "Mi pare sia lombardo" oppure "No viene dalla Sicilia" ma a parte le battute mi trovo a fare un lavoro fantastico, sanno essere stressanti ma quando vedi che ti cercano o che ti chiedono perche' non c'eri il giorno prima...beh questo ti ripaga di tutto!!!
4
postato da , il
Eh già mia cara amica, anche se mi rendo conto che è facile cadere nella trappola della retorica quando si parla della condizione degli anziani.
Tutti noi siamo pieni di buoni propositi, di sentimenti di tenerezza, di solidarietà...ma quando ci si trova a dover gestire certe situazioni, il peso da sostenere è troppo grande e, nonostante la buona volontà, non è facile farsene carico.
Dovendo prendermi cura di due giovani ultraottantenni, posso dirti che ci sono tanti momenti di sconforto durante i quali desidererei ardentemente liberarmi di una croce troppo grande per me (perché è ipocrita affermare che non lo sia), ma basta un solo sguardo di riconoscenza, un semplice "grazie" sussurrato fra le sofferenze, vedere quegli occhi che ti chiedono aiuto come dei bambini indifesi...che dimentichi tutto e pensi che domani ci sarai tu al loro posto...(forse...)
Ciao giò...un bacione!!
3
postato da , il
Ma, caro vecchietto!! Mi fanno una tenerezza tale! E pensare che vogliono far loro usare computer, carte di credito e cavoli vari!!!
Invece di mandare un euro a tutte le associazioni di questo mondo......mi sento di dire......aiutiamo gli anziani!!!!!!!!!!!!
Ciao Miri!!!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti