Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Pensavo che mi sarei innamorata di grandi..." di Nadia Bressan


15
postato da , il
Circa il dipinto di Rembrandt - sempre da wikipedia- :
...."La luce scivola dai personaggi secondari per soffermarsi sulla scena principale e catturare così l'attenzione dell'osservatore, che si trova con gli occhi alla stessa altezza del figlio pentito, come se il pittore volesse suggerire un'identificazione tra finzione e realtà. Tuttavia, il particolare forse più importante di questo quadro, sono le mani del Padre misericordioso; se le si osservano attentamente possiamo notare che non sono uguali, ma sono una maschile ed una femminile. In questa rappresentazione non sono presenti donne poiché il "Padre misericordioso" che è il Dio che accoglie tutti, specialmente i peccatori redenti, non è solo il "nostro" Padre ma è anche la "nostra" Madre, Lui è il tutto...."
...Pino, se ti chiedessi di commentare tu la parabola ?
Ciao
14
postato da , il
www.copia-di-arte.com/a/rembrandt-van-rijn/il-ritorno-del-figliol-pr.html
13
postato da , il
Flavia , intendi dire che lo staff non mi faccia rimpossessare del mio profilo , e che dunque debba rimanere in questo " stato "  di anonimo , ma con nome e cognome in bella vista?
12
postato da , il
Pino, la parabola del figliol prodigo da Wikipedia :
" Anche se questa parabola è tradizionalmente ricordata come il figlio prodigo, questo titolo non è presente nel Vangelo e molti commentatori sostengono che sarebbe meglio chiamarla  il figlio perso e ritrovato anche in riferimento alle due parabole immediatamente precedenti della pecora perduta e della moneta smarrita. Infatti in tutte e tre il tema è la preoccupazione di Dio verso il peccatore pentito a preferenza di chi è rigorosamente giusto. D'altronde "prodigo" non significa perso ma significa dissipatore.
Altri commentatori preferirebbero il titolo il padre misericordioso sottolineando che il vero protagonista non è tanto il figlio prodigo quanto il padre che aspetta, che accoglie, che fa festa.
La parabola, che si trova solamente nel Vangelo di Luca, esprime bene la teologia distintiva di Luca dell'amore e della misericordia di Dio . Il perdono del figlio non è condizionato da buoni propositi; il padre infatti lo accoglie ancor prima che abbia la possibilità di parlare e di esprimere il proprio pentimento. Tale misericordia e' ben espressa dalle azioni del padre stesso. Nella parabola e' lui a compiere il primo passo. Il racconto di Luca (secondo la versione CEI) dice infatti che : "Quando era ancora lontano.....gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò " (Luca 15, 20). Una misericordia incondizionata motivata dal ritrovamento del figlio perso, m*orto e ritornato in vita ".
11
postato da , il
Quando Giulio tornerà in pom*pa magna, am*ma*z*ze*remo il vitello gra*sso!!
(Flavia, hai qualche idea in proposito?  : ))

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti