Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Frase ID 144960


53
postato da , il
Sir Jo, per un attimo ho temuto mi potessi rispondere cosi : "Io penso dalla speranza della sua inesistenza."   :-))

Dario : già, è vero , nel tuo commento # 4....
In realtà non intendo ingaggiare alcuna polemica o battaglia ideologica , ma solo porre - persino a me stesso- alcuni quesiti cosi' da potermi  - attraverso anche un' eventuale intuizione altrui- liberare da questo sciagurato ed angustioso argomento, o semmai farne una ragione di vita.
Poichè , credo che porsi davanti ad una simile questione premettendo d' essere "questo" piuttosto che "quello" - ateo, gnostico, cristiano cattolico ... etc- ci autopreclude una qualche possibile oggettività , giacchè custodiamo la certezza di possedere una risposta a monte della domanda.
Con questo non intendo dire che siate voi a non esservi interrogati sulla questione , ma forse sono io a non averla sviluppata sufficientemente.
Ciao.
52
postato da , il
Tu "ed io"  siamo la stessa cosa. Ora smettiamola di guardarci troppo dentro.
51
postato da , il
No caro Pino, non nutro nessuna speranza in nulla. Credo solo in quello che si dimostra e non posso credere in fole senza fondamento.

Comunque non nego che a volte mi sono avvicinato ad un certo agnosticismo. Ma sempre nell'attesa di dimostrazioni.

Ciao!
50
postato da , il
E... il tuo ateismo, sir Jo, consiste nel non nutrire speranze al riguardo? O le nutri, ma nel dubbio preferisci non esprimerti? In quest'ultimo caso saresti non ateo, ma agnostico: che è cosa ben diversa.
49
postato da , il
il desiderio di immagine divina nell' uomo arriva dalla certezza della sua inesistenza , o dalla speranza della sua esistenza?

Bella domanda Giulio!

Io penso dalla speranza della sua esistenza.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti