Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Siamo ancora in un Paese libero?" di Giorgio De Luca

Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati

49
postato da , il
Si ,ma i genitori sembrano aver rimosso ciò che sono stati e gli errori commessi...sembra che tutto quello che hanno fatto non sia successo a loro!
48
postato da , il
Agatina cara, dici in altre parole una cosa che dicevo io. Cioè chi viene prima ha in mano il passato da portare nel presente ed essendo venuto prima ha un timone che dovrà cedere nel futuro ... Il problema è che i nostri timonieri (me compreso ahimè) hanno portato la barca fuori rotta... Poi, si legge tra le righe, la richieta dei timonieri che siano quelli che prenderanno questo timone a fare qualcosa ... Ottimo scarica-barile.

Per quanto riguarda il discorso dei discorsi sui tentennamenti universitari e della responsabilità sono comunque dalla parte di chi avendo sbagliato vorrebbe che i figli non facessero gli stessi errori. Non è mai una giustificazione dire a qualcuno tu hai fatto questa cosa ora la faccio anche io perchè l'hai fatta tu! Ognuno deve prendersi la responsabilità delle sue scelte ... e la responsabilità di un genitore è quella di trovare la strada per cui un figlio ottenga risultati ottimali.
47
postato da , il
Le spu*taz*zate in faccia: forse è questa la via di uscita.  : ))
Questo commento conclude degnamente una giornata di contumelie, e lo affronteremo domani a mente serena.
Una sola cosa vorrei dire: in effetti noi ventenni del 68 siamo stati più amici che padri dei nostri figli. Purtroppo in questa maniera non abbiamo dato loro figure forti e certezze (anche semmai errate) con cui confrontarsi e rapportarsi, anche semmai in contrapposizione.
Questo fa sì che siamo stati, insieme, una generazione troppo forte e troppo debole: forte per ciò che ha saputo esprimere, debole per non aver capito che occorreva guardare più lontano, a loro.
Si sbaglia sempre. Siamo vissuti contraddicendo i nostri padri, cercando un mondo migliore... e non siamo poi riusciti a passare il testimone. La staffetta non è riuscita... Ed è prevalsa, sugli ideali, la visuale dei praticoni, degli intrallazzatori e dei furfanti. E' questo ciò che fa più rabbia.
46
postato da , il
Una generazione, la vostra, che ha avuto e continua avere un potere assoluto sul passato, sul presente ed anche sul futuro. E a mano a mano che il futuro diventava presente e passato, eravate sempe voi i protagonisti; se i giovani occupavano la scuola stavate lì a raccontare come avevate fatto voi; se poi non andavano all'assemblea sempre voi eravate lì a colpevolizzarli. Poi, quando vi è stato chiesto di rinunciare a qualche privilegio in nome del loro futuro, avete serrato le fila e difeso ad oltranza il vostro essere speciali. Siete andati alle manifestazioni ed avete organizzato girotondi; avete deciso ogni cosa in nome e per loro conto e spesso avete anche lasciato che fossero loro ad assumersi dei compiti educativi verso di voi: non pochi figli hanno dovuto sopportare e supportare genitori ex t0ssici, alc0lizzati o eterni bambini, sempre pronti a sfuggire dalle proprie
responsabilità. Conosco questo tipo di genitori che magari oggi, davanti ad un tentennamento universitario dei figli, si lasciano andare a tirate sulla poca responsabilità e coerenza di quei figli la cui crescita è avvenuta nella totale confusione di ruoli.

Oggi questi givani sc0ppiano e molti adulti se ne rallegrano.
Io no. Purtroppo nessuno vuole prendersi carico del mal*essere giovanile. Loro, i giovani di oggi pr0testano, ma l'Italia va da un'altra parte, almeno quella che si pone come classe politica, se politica ancora esiste in questa nazione. Dio fa che questa povera generazione non debba mai provare il dol0re che provaste voi battuti ed uc*cisi dallo Stato e dai suoi servizi; dalla dr0ga buttata sul mercato a tonnellate per distruggere il futuro. Riuscirete mai a fare un passo indietro ed un atto di generosità?
Giovani, chiedete, pretendete e spu*tate in faccia se necessario. Dite cosa si può fare per ridarvi almeno un poco del presente e del futuro che vi è stato rubato e che continuano a rubarvi senza pudore.
45
postato da , il
Insomma, in tutto ciò restano le colpe dei post-68ini. Ciò emerge chiaramente, sia da ciò che dico io, sia da ciò che dice Anna Rita al commento #38. E come qualcuno sottolinea emergono anche le colpe dei '68ini che con l'in sé ottima idea di dire che tutti hanno gli stessi diritti hanno esagerato e hanno portato all'appiattimento culturale e alla mancanza di selezione. Io penso che quest'ultima cosa sia uno dei grossi errori di quei movimenti ... ma anche una sbagliata interpretazione del concetto di eguaglianza.

Dobbiamo cercare assolutamente di uscirne!!!! :)

Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati