Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Frase ID 142574

Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati

19
postato da , il
Oh no ! mia cara Alma, ti seguivo tra le tue poesie e dove mi ritrovo ?
In un altro incubo grammaticale !!
Fermate il mondo....................voglio scendere !!!!!
Bella  , ora la rileggo con calma....e con la lente d'ingrandimento !
18
postato da , il
Penso la stessa cosa!!! ... ma sempre meglio mettere i "..." sulle i! Così tutto è più chiaro ...

Ciao! ;)
17
postato da Trishtil, il
Credo che Giuseppe stia usando l'ironia (nel caso contrario sembrerebbe  maschilismo retrogrado, oppure un addolcire la pillola, sempre in forma maschilista ;) e non sono d’accordo, gli errori sono errori, sia in “a” sia in “o” che poi i miei sono più perdonabili sono d’accordo, ma solo per partito preso :)))
16
postato da , il
Non amo le derive sessiste Pepp'niello ... Per me uomini e donne sull'agire, sul creare, devono essere criticati alla stessa stregua. Un errore è un errore al di là del proprio sesso ... La distrazione è umana, non femminile o maschile! (a parte il genere della parola in sé stessa) ... E poi come la metti con le persone omo-sessuali?
15
postato da , il
L'errore d' italiano ad opera di uno straniero è cosa ovvia e normale, come l'errore di un italiano che scriva in russo o in arabo.
    Diventa più grave l'errore in italiano di un italiano...
    Quanto ai poeti, gli errori delle poetesse (anche italiane) sono poi molto più digeribili di quelli dei poeti, perché provenienti da esseri sensibili, delicati e gentili, quantunque talora disattenti.
    Il peggio in assoluto è  dunque l'errore inavvertito e perseverante del poeta maschio. Risulta molesto e lacerante come l'urlo di un gufo o altro uccello strigiforme in piena notte.

Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati