Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Cuore... di Egizia Russo


28
postato da , il
Gian.....hai scritto quello che  avrei voluto scrivere io....ma non sarei riuscita a farlo meglio di te ...confermo EGIZIA , non si tocca...la sua sensibilità va oltre le vostre parole.
27
postato da , il
Egizia la tua poesia è stupenda..... e vorrei rivolgere una parola ai commentatori.... ci sono modi e modi per dire le cose...credo che sia piu giusto concentrarsi sul contenuto della poesia che a mio avviso è superlativa :)) una poesia deve trasmettere....e questa come altre che Egizia ha scritto trasmettono tanto.
26
postato da , il
Un amore forte inossidabile che sfida ogni tempesta e si eleva e fortifica nelle difficolta'.....un cuore che piange che ride  che vive    questa sei tu  egizia del mio cuore ...in questi versi  vedo la persona che amo ( amichevolmente) fin dai primi giorni che ho avuto la gioia  e il dono di conoscerti e frequentarti ( sia pure solo on line per la distanza)EGIZIA  NON SI TOCCA  COME I GRANDI ARTISTI  SI AMA E BASTA CERTE CRITICHE  SONO SOLO CATTIVERIE GRATUITE
Per quanto riguarda la grammatica l'italiano e ' una bella lingua  con le sue regole ferree senza interpretazioni

Come si leggono accenti messi a caso sul verbo dare, così ne leggiamo sul verbo fare. Mi capita spesso di leggere “che fà”, con quell’inutile accento sulla terza persona singolare del presente indicativo, o peggio “che fài”.

Possiamo dire che il verbo fare vuole l’accento soltanto una volta e in un caso molto particolare. Vediamo alcune forme verbali per chiarire questo ennesimo mistero della grammatica italiana.

Fa: terza persona singolare del verbo fare, tempo presente, modo indicativo. Non vuole l’accento. Non può essere confuso con la nota musicale fa. “La mamma fa una torta” è sì musica, ma per il palato. Alle orecchie non arriva nulla.
Fai: seconda persona singolare del verbo fare, tempo presente, modo indicativo. Non vuole l’accento. A che servirebbe?
Fa’: seconda persona singolare del verbo fare, tempo presente, modo imperativo. Vuole l’apostrofo, perché la “i” è caduta. Frase da esempio: “Fa’ presto!”.
Non fate gli asini, dunque, ed evitate di scrivere accenti in un verbo che li ripudia.
25
postato da , il
Sig. Freda lei nella veste del sospettato...ci si trova bene...credo venga...dalla passata esperienza forense...dove tutti sono sospettati e alla fine si diventa il sospettato..principale..un caro saluto:)
p.s. naturalmente era una battuta...lungi da me ogni altro sospetto:)
24
postato da , il
Per completezza: anche fa senza apostrofo, nella locuzione "tempo fa", è voce del verbo fare, terza persona dell'indicativo presente.
Fa', invece, è imperativo.
La canzone "una marcia in fa" invece è congiuntivo o aoristo, non me lo ricordo più. Ma non c'entra niente.
Da ultimo, ipotizzare che i miei commenti possano differirsi tra loro a seconda che sia o non sia la festa dell'Immacolata Concezione è un sospetto che mancava alla mia collezione, tutta costituita sinora di presunti invaghimenti o addirittura collusioni finalizzate a tresca futura.
Questo sospetto di devozione "extra moenia" dunque, lungi dall'indispettirmi, mi appare il massimo di nobiltà di cui un sospettato possa rivestirsi.  : ))))

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti