Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Autobiografia di Bertrand Arthur William Russell


16
postato da , il
:-)) Credo che il problema stia proprio nel calartici sul pozzo.
Se  , infatti , rimanessi su , magari senza interrogarti sulla sua profondità , credo che non   solo il fondo subito si materializzerebbe , ma ritengo possibile una fuoriuscita del fondo stesso  :-))
Un vero e proprio pozzo di fondo :-)
15
postato da , il
grazie Giulio oggi una risata  mi ci voleva proprio, ma ti prego alzati dal divano perchè non è necessario, io sono una da
''zero tituli'', per quanto scenda nel profondo pozzo della mia ignoranza non riesco mai a trovarne il fondo!  ciao
14
postato da , il
Vabbè , dai scherzavo , mi sono già sdraiato sul divano .-))
13
postato da , il
Molto interessante signora - immagino dottoressa-  Mercadante  :-))
Mi sento molto confortato ed a mio agio a chiaccherare con uno strizzacervelli  ...   :-))
Ehm... Behh... adesso io ho un impegno ... buongiorno  :-))
12
postato da , il
Caro Giulo, no non ho avuto un'adolescenza complicata, solo che sono stata molto precoce nella scelta delle mie letture (unica nota positiva nella mia ignoranza ma non chiedermi come sia avvenuto ciò). M'imbattei un giorno casualmente in un libro di Hellis,
lo trovai stimolante, saltai a Lorenz (commisi l'errore di non badare al nome) e lessi L'amante di lady Chatterly , a quell'età MOLTO
interessante (battuta), poi rimediai leggendo tutto Konrand Lorenz, e di lì alla saggistica. Quando ebbi tra le mani Perchè non sono cristiano, andai in libreria e molto candidamente chiesi che mi procurassero qualunque cosa egli avesse scritto. Confesso
che alcuni come: Alla conquista della felicità, matrimonio e Morale e altri li ingoiai interi , altri come la La saggezza dell'occidente
il mio cervellino limitato dovette sforzarsi di più, ma ne feci tesoro. I passi successivi ? Bè non voglio annoiarti, ma tra tutti i temi
di discussione o la mia materia e lettura preferita , lo confesso è Freud compagno e maestro fedele di tutti i miei intimi perchè.
Di lui tolta l'autobiografia (che mai scrisse) possiedo tutto. Lì tra quelle pagine risiedono le mie risposte. Scusa l'entusiasmo
ma in genere la gente ama parlare di partite di calcio, gossip e quant'altro e sono quindi sempre alla ricerca di qualcuno che
mi chieda perchè ami Freud ? Ma ti prego di non chiedermelo a meno chè tu non soffra d'insonnia , in tal caso se inizio a
parlarne l'interlocutore dopo pochi minuti russa come un trattore. Questo mi conferma che in qualche modo Freud è riuscito
a risolvere almeno questo problema. Ciao Giulio!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti