Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Nel grande mistero della vita, il trascorrere..." di Giuseppe Freda


11
postato da , il
Ciao Flavia, sono sinceramente stanco di sognare meraviglie che vengono e poi inesorabilmente passano, in un'altalena di gioie e dolori infinita. Se potessi, questo maledetto tempo lo distruggerei, e insieme a lui questa effimera creazione balorda.
10
postato da , il
Pino, la dedica è molto bella
Ignazio non è più fisicamente ma è
nel tempo.
9
postato da , il
Certo, mi rendo conto. Vivere sospesi tra un attimo e l'altro, nel bel mezzo di un universo sconosciuto e nell'attesa di un futuro ignoto e misterioso deve essere un'esperienza molto forte. Il rifugio nell'istante è normale.
...Ma poi l'istante passa, e dall'imbuto se ne viene fuori, semmai a fatica. Ne è venuto fuori anche Pavese, ne verremo fuori tutti.
Meglio vivere "dentro". L'istante non passa mai; il futuro, il passato e il presente sono la stessa cosa perché il tempo non esiste più... e si assiste al film d'azione della vita (di cui si è giocoforza protagonisti) seduti comodamente in poltrona, ansiosi che il film finisca e si possa finalmente uscire dalla sala a prendere una boccata d'aria (e anche, perché no, a fumare una sigaretta).
8
postato da , il
"Imm0rtale è chi accetta l'istante...
Chi non conosce più un domani...
--Cesare Pavese--

Bellissima frase e quanto è vero ciò che dice...;
bisogna sempre vivere l'attimo corrente...
e cercare di cogliere tutto quanto la vita può offrirci...
nel bene e nel male...
Tutto serve a migliorarsi dentro...
7
postato da , il
Beh, Tina, quando parlo di "svanire" parlo naturalmente di cessare di essere visibile in questo mondo...
E', se ben ci pensi, proprio questo fenomeno che dovrebbe indurci a pensare... Questi esseri umani (e non solo loro: anche gli animali), con il loro pesante e talora grandioso fardello di fatti, di esperienze, di conoscenze, di relazioni interpersonali, di gioie e di dolori... tutto destinato a svanire nel nulla??
Mi sembra incoerente: in campo fisico nulla si crea e nulla si distrugge, ogni fiore produce un frutto, mentre quella autentica meraviglia che è la coscienza, l'io, sarebbe  destinata ad un'esistenza del tutto transitoria e casuale, e poi alla totale distruzione, senza frutto alcuno !!
Ci vuole davvero una vista corta, e anche una bella dose di pessimismo, per credere a una cavolata del genere !!   : )))

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti