Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Non so se ti ho amata tanto o poco, nel modo..." di Paul Mehis


27
postato da , il
Forse se provassimo a tirar fuori l' imposibile dall' impossibile , allora forse potremmo sostenere - ponendo allo stesso livello odio ed amore- che  sia possibile amare ed odiare chiunque ci risulti del tutto  indifferente.
Se invece ci sforzassimo di  tirar fuori il possibile dal possibile potremmo forse sostenere che l' amore ci attraversa , perchè si sviluppi al massimo non dobbiamo opporgli resistenza , e quando qualcuno si oppone al suo volere , lo si odia.
...Siete ancora appollaiati ?
26
postato da , il
Ahh, ok ci sono :
A dire il vero non sono certo che questa ipotesi regga da un punto di vista logico , poichè non stabilisce con esattezza se si possa considerare come una spiegazione sull' origine dell' odio o solo un suo frutto.
Comunque  l' odio è conseguente ad un sentimento, non nasce dal nulla , e perchè sia forte deve scaturirsi da un forte sentimento ,e voi mi insegnate che l' amore è tra i sentimenti umani , il più forte.
Inoltre come tutti i sentimenti è irrazionale, mentre questo che noi ora stiamo compiendo cnon è altro che un modo per ingabbiarlo e farlo credere razionale , un modo per tirar fuori il possibile dall' impossibile.
25
postato da , il
Credo che la difficoltà di definire l' amore , cosi' come l' odio , presuppone un tentativo differente per evitare confusione - o forse per crearne maggiormente  :-)).
Facciamo un ' ipotesi :
L' odio come un ordigno rivolto al danneggiamento di un bersaglio.
Ora , il bersaglio - oggetto del nostro discorrere - è l' ormai lontano amato\a. L' ordigno che intende colpirlo,  danneggiandolo  è corrispondente al bersaglio poichè seppure lo deteniamo noi è da li che ha origine.Dunque noi saremmo solo dei meri portatori di tale sentimento , che dovrebbe secondo questa luce danneggiare  l' ordigno stesso che  sarebbe il suo stesso berssaglio, ma sappiamo non essere cosi'.
Di fatti  il materiale trasportato è talmente pericoloso da danneggiare lo stesso detentore.
Forse allora , l' odio  si sprigiona dall' idea di un bersaglio , e nel tentativo di annientarla esso si fa strada tra molti altri pensieri che sorreggono la logicità di tale idea , danneggiandoli, e in ultima analisi danneggiando proprio noi stessi.
...Ehmmm  scusate , ho quasi perso il filo del discorso...   :-))
24
postato da , il
E' meravigliosa e tanto vera da farmi star male. Grande.
23
postato da , il
Ragazzi, per prima cosa voglio ringraziarvi per i bei commenti che si stanno susseguendo da un pò, ma ,sarà solo per esercizio sofistico - di cui sinceramente so ben poco- , o perchè scorgo grandi  orizzonti di dialogo su questo argomento voglio ancora tentare a smuovervi dai vostri appostamenti sui quali mi sembrate comodamente appollaiati...

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti