Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "L'installazione del programma "senso di colpa..." di Giulio Pintus


8
postato da , il
Ad ogni modo credo che il senso di colpa non sia sempre negativo, anzi ci aiuti a porre dei limiti ai comportamenti affinche essi non arrivino ad essere negativi in ordine al codice morale specifico di ognuno.
Ma nella frase mi riferisco a quelli inutili , quelli che  sono legati a tabù che non producono nulla di concreto , a parte il contrapposto innalzamento di totem da santificare.
Inoltre è giusto ricordarsi che la colpa originaria - conseguente all' originale peccato- ci è stata inculcata fin da piccoli nell' educazione religiosa , mentre è più complicato - credo- stabilire come un giudice severisimo e moralmente ineccepibile sia stato riposto in noi stessi ed a nostra insaputa  :-))
7
postato da , il
Cara Miriam, personalmente non ho avvertito alcuna indelicatezza, anzi ho gradito il tuo commento , la nota di leggerezza, e anzi la delicata ed asciutta sintesi mi hanno portato quasi  a sorridere, alzarmi e correre su un prato fiorito... ma poi mi sono riseduto di fronte al mare malinconico di Munch.
Quindi sono io a dovermi scusare se ti ho - involontariamente- fatto " sentire in colpa" per qualcosa :-)
Ciao , un abbraccio .
6
postato da , il
Scusami se sono stata indelicata, il mio era solo un maldestro tentativo di tirarti un pò su di morale, ma a giudicare dalla faccina corrucciata che hai inserito, temo di non aver sortito l'effetto desiderato.
Purtroppo so di avere il vizio di prendere le cose con troppa leggerezza e di ironizzare anche su argomenti sui quali c'è ben poco da ridere, ma mi appello alla tua indulgenza e sono certa vorrai perdonare la mia sciocca spiritosaggine.
Ma già che ci siamo vorrei dirti che il senso di colpa è una concezione, personale, del bene e del male che ogni individuo ha , (o dovrebbe avere), una sorta di griglia- guida rispetto a ciò che reputa buono o male, per se e per gli altri.
In base a detta griglia ,(che poi sono i valori della persona), il comportamento e le azioni in generale, saranno improntate in maniera tale da dare alla persona stessa, la sensazione continua di stare a far bene unitamente alla sensazione che tutto ciò che fa ha un significato coerente. Nel senso di colpa scatta la convinzione di aver agito in maniera ingiusta (arrecando quel certo danno a quella certa persona) cosa che ci costringe a definirci in torto con la conseguente penosa esperienza emotiva, la colpa, che tutti più o meno conosciamo.
Io non so se sia davvero impossibile, ma ho imparato che se riuscissimo ad essere un pò meno esigenti con noi stessi, forse sarebbe molto più facile "disinstallare" questo programma davvero inutile...
Un abbraccio... :-)
5
postato da , il
Benchè parte dell' installazione  sia dovuta ad un azione esterna - educazione, religione, esperienze personali  che fanno da vaglio statico alla giustezza delle nostre azioni- , vi è una componente che misteriosmente , diventa più difficile da comprendere e riuscire a disinstallare,  riguarda qualcosa che possediamo ancor prima di ricevere induzioni esterne e che,  a chi più , a chi meno fa vedere il giusto e l' ingiusto suddivisi da linee nette , fa- conseguentemente- pensare alle azioni - anche alle proprie-  in modo che , esse implichino sensi di colpa a seconda che l' autocoscienza intervenga precedentemente   piuttosto che successivamente ad esse stesse.
Più senteticamente : il senso di colpa è solo la parte visibile di un programma che non si può  disinstallare :-((
Ciao e grazie per il tuo commento .
4
postato da , il
Ed è l'unico programma che è sempre compatibile (acc...a lui!!) e una volta installato ti blocca, ti rallenta, ti manda il tilt tutto il "sistema operativo"...
No, no...non mi piace proprio!!
IO LO DISINSTALLO!!
;-)

Ciao!!  ((.))

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti