Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "C'è chi si fissa a vedere il buio. Io..." di Victor Hugo


3
postato da , il
E dagli. Le stelle non sono pezzi di pietra: sono enormi palle di gas incandescente. Dalle stelle, partendo da una composizione iniziale di solo idrogeno, è nata tutta la materia esistente, cioè tutti gli elementi che formano l'Universo, pianeti compresi, e dunque anche la Terra.
La quale Terra non è assolutamente unica nel suo genere: nell'universo per un semplicissimo calcolo probabilistico esisteranno miliardi di pianeti simili alla Terra; ed è assurdo pensare che non si sia sugli stessi sviluppata la vita; vita intelligente compresa.
   L'unico problema al riguardo verte sulla possibilità che due civiltà tecnologiche distanti centinaia o migliaia o milioni di anni luce riescano a comunicare tra loro. Se la velocità della luce è insuperabile, ciò appare improbabile; se viceversa fosse superabile, o addirittura fosse possibile spostarsi quasi istantaneamente attraverso stringhe o tunnel spazio-temporali, una tale comunicazione sarebbe possibile.
     Questo è lo stato della questione, secondo il livello di conoscenza a tutt'oggi raggiunto sul nostro pianeta.
2
postato da , il
Allora: quanto alle stelle, evidentemente sei tu che vuoi prendermi in giro. E' arcinoto che le stelle brillano di luce propria: sono vere e proprie fucine in cui, a causa dell'enorme pressione, avviene la fusione nucleare, prima dei nuclei di idrogeno, poi di quelli di elio, fino ad arrivare, nelle esplosioni delle supernove, alla creazione di tutti gli elementi pesanti (ferro e oltre) di cui è fatta la Terra, e in parte anche noi. Non esisterebbe la Terra, nè noi, se non esistessero le stelle e le supernove in particolare. Quindi le stelle sono il paradigma della luce.
   Numero due: il giudice non è sopra la tua testa, ma DENTRO la tua testa. Evita sempre di giudicare, perché con lo stesso metro con cui giudichi gli altri, un giorno giudicherai te stesso. Se hai perdonato agli altri, perdonerai te stesso; ma se hai condannato, non potrai che condannarti.
   Il Dio di cui neghi l'esistenza è dentro di te, sei tu stesso, è connaturato a quel NOI di cui ti sto parlando in altro post. Se riesci ad entrare nella prospettiva del NOI, la luce squarcerà le tenebre, e vedrai chiaro.
1
postato da , il
Ma scusa, Vincenzo, buio significa assenza assoluta di luce..., mentre le stelle sono la luce per eccellenza (brillano di luce propria..).
Prova a chiuderti al buio in una stanza (pensando ai tuoi peccati), e capirai la differenza tra il "vedere" il buio e contemplare le stelle !!  : ))

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti