Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Il silenzio è la musica della Natura." di Anonimo


8
postato da , il
Scusami Elcoche, ma visto che la tua domanda, come un colpo di fucile, ha fatto fuggire come d'incanto i farfalloni che si rincorrevano festosi su questo post, vorrei dire due parole al Cataldo, che invano ha sperato di avermi zittito con le sue funamboliche elucubrazioni.
Vincenzo, la tua teoria "non scolastica" mi appare come un purée di Eraclito e Parmenide: il divenire diviene essere, il non essere non è nulla, e dunque tutto ciò che appare E'.
Hai trovato la maniera giusta per far rivoltare nella tomba sia Parmenide che Eraclito: e a ben pensare anche il tuo ispiratore Nietszche, che, giunto all'altro mondo, avrà finalmente ben capito l'assurdo delle sue dottrine e la loro pericolosità, e subirà di certo la pena di averti indotto in errore.  : )))
7
postato da , il
qual è la natura del silenzio?
6
postato da , il
Vincenzo, rifletti: se l'essere è uno e indivisibile, il molteplice è NON essere.
L'essere è autosufficiente e fuori dal tempo, la natura è divenire, nascita e mo*rte, consunzione, "non essere" (perchè non può essere prima ciò che non è poi, .nè può essere, dopo la "nascita", qualcosa che "prima" non era... L'essere non è e non può essere nel tempo, principio stesso del mutamento).
Dunque tu ed io siamo "essere" e non "non essere", insomma ESISTIAMO, solo nella misura in cui partecipiamo dell'essere.
E possiamo partecipare dell'essere solo nella scomparsa del tu ed io, nella coesione con l'essere, ed anche tra "noi"...
Se tu sei essere, la natura che nasce e muore è inganno, è percezione fallace, percezione che opera dentro di te: non sei tu dentro la natura, anche se grossolanamente così ti appare.
Solo l'essere è, il resto, ciò che diviene, non è.
Questo è Parmenide. Se convieni con lui, non puoi negare queste cose.
Ma ti prego, rifletti sulla grandiosità di questo semplice concetto:
Solo lo psichismo e, nello psichismo, anche il tuo e il mio psichismo, potrebbe, fuori dal tempo e dallo spazio, e solo a certe condizioni, "essere".
E' qui la soluzione che cerchi.
Ma so già di lanciare parole nel vento... (per ora: ché tanto, "poi", ognuno conoscerà come stanno le cose ictu oculi, e senza bisogno di filosofie).
5
postato da Deb73, il
in realta' sostanza vuol dire essenza dell'essere, quindi secondo me, scoprendo la sostanza, si arriva a comprendere l'essere.
4
postato da , il
Non lasciatevi ingannare: la natura altro non è che uno specchio, ciascuno vi coglie ciò che ha dentro di sé. Questo risulta evidente nei momenti in cui la nostra situazione psicologica stride con percezioni idilliache degli scenari naturali.
Ricordo una splendida giornata di sole in un luogo splendido, il giorno in cui avevo un caro cadavere da seppellire: quel sole era tagliente, anonimo, inquietante: la "festa" della natura, che tante volte avevo percepito, non esisteva più... Dunque la festa era stata mia, solo mia, come quel dolore.
E questo non è un male, anzi. Ci ricorda di essere soggetti attivi della nostra vita e della nostra percezione, e non meri recettori passivi.
Del resto, è noto che anche le c.d. "leggi dinatura" che scopriamo, altro non sono che il riflesso della nostra impronta razionale. Scopriamo le analogie tra la nostra ragione e la natura, non la natura: essa ci è razionalmente inconoscibile, come testimoniato dall'incessante spostarsi in avanti degli interrogativi della ricerca: uno se ne risolve e cento se ne creano, in un processo di approssimazione senza fine.
    ...La musica più grande? Non è la natura, e neanche la cruda e sterile filosofia. La musica più grande è dare e ricevere carezze sull'anima nel reciproco amore disinteressato verso tutto e tutti.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti