Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Nel mondo si vende e si compra di tutto, dalla..." di Milco Fadda


6
postato da , il
Tina, hai fatto una disanima della mente umana perfetta! Il problema e' che chi ha un barlume di intelligenza si tiene ben alla larga dalla tv, o per lo meno dai progammi ideati per idi0*ti cronici, controlla le emozioni davanti alla pubblicita' e ai trucchi di chi la progetta.Pero' chi e' scemo e' scemo, non c'e' scampo e si lasciera' irritire da tutto quanto "fa spettacolo": e' un po' la storia del cane che si morde la coda!
5
postato da , il
Purtroppo non solo in Italia...
l'intelligenza si compra...o si vende...,
ma in tutto il mondo...!

Gli slogan pubblicitari fanno ormai parte
della nostra vita quotidiana...
Almeno per chi vive in Italia...
Come per i cittadini del mondo!

Che centra questo con l'intelligenza...?
Si chiederanno in tanti...! Mi spiego...!

La conoscenza di se stessi, la persistenza
e l'empatia sono elementi che nascono
dall'intelligenza umana... forse quelli che
influenzano maggiormente la vita dell'uomo...!
Spesso queste capacità...che vanno a costituire
l'intelligenza emozionale...erano sottovalutate...
ignorate o non considerate un elemento rilevante
nel computo del noto ma ridimensionato
Quoziente d’Intelligenza (QI)}.
A questo punto potremo parlare
di una serie di concetti di psicologia
partendo da cosa significa intelligenza...
emozioni...esperienza...carisma...
empatia... consapevolezza...
parte conscia ed inconscia per poter arrivare a dire
che quel soggetto che si trova completamente assorto
e concentrato davanti alla televisione
è l’unico animale del quale si può dire che è consapevole
e sviluppa delle idee soggettive circa la sua esperienza...
arrivando a scoprire la parte inconscia...
diventando totalmente conscia e per questo
“illuminato”...! Infatti...
l’uomo è l’unico animale che può raggiungere
questo stato (il picco più alto di consapevolezza)...!

Vorrei che tutti noi (e non solo i pubblicitari)
fossimo un pò più coscienti... più consapevoli...
ed utilizzassimo la nostra intelligenza emotiva
per fini più alti e non dimenticare troppo facilmente
che le emozioni promosse con la pubblicità
hanno uno scopo preciso e non certamente altruistico...!
E dal momento che ci sediamo davanti alla televisione
possiamo essere più consapevoli
ed utilizzare la conoscenza come arma
per fare fronte all'ignoranza...
la nostra e quella del mondo in generale...!


Giungo al termine...con questa frase...:

Il consumatore compra emozioni...non materia...!
Un marchio senza emozioni è solo merce!!!
4
postato da , il
Chi non ha l'intelligenza non è (solo) lo scemo, che più o meno presto si svela per tale, ma il mediocre. Spesso il mediocre è anche furbo; e il gioco è fatto.
Esempio tipico è l'Università, dove per decenni sono andati avanti figli nipoti e leccapiedi dei baroni. Eserciti di mediocri hanno letteralmente occupato la cultura italiana. E hanno formato schiere di ignoranti e mediocri peggio di loro. Oggi l'Università italiana difficilmente è in grado di riconoscere chi realmente vale, perché ai vertici vi sono gli asini.
Vedi, Lucia, basta una ingiustizia iniziale. Fai diventare professore universitario, o dirigente, o deputato, o qualsiasi cosa un mediocre anziché uno che lo meritava. Dopo 4 o 5 anni, il mediocre, "bene o male", avrà imparato a "muovere" alcune leve del comando, avrà tenuto i comandi della "Ferrari", leve che saranno rimaste totalmente sconosciute alla persona che meritava. Finché quest'ultima davvero potrà dirsi "peggiore" dell'altra. E' un po' come non fare studiare un ragazzo del popolo intelligente, e mandare a Oxford un mediocre. Ne uscirà un laureato, ma non ciò che sarebbe potuto diventare il primo.
Tutto questo è stato oltretutto favorito dai populisti che avversavano la "selezione" come criterio per progredire negli studi. Col bel risultato che criteri di selezione sono divenuti il censo, la raccomandazione, l'intrallazzo, se non anche il sesso,come dappertutto. Tutti diplomati, tutti laureati, tutti a piedi, salvo i raccomandati. Bel risultato...
Gli "scemi", naturalmente, sono fuori discussione. Eppure, se tu vai a vedere, anche questi ultimi si mimetizzano molto bene: i mass media lavorano a regola d'arte, la gente non è smaliziata, non è competente, non si accorge del trucco, e questo aiuta molto. Così capita ad esmpio che taluni mediconzoli siano veri e propri killer con licenza di uccidere.
In conclusione: il mondo di oggi è dei violenti, dei furbi, degli arroganti, dei mediocri in cordata: l'intelligenza non è nè ambita, nè riconosciuta; e non serve a nulla in questo universo alla rovescia, salvo sia di natura criminale.
3
postato da , il
Pero' Giuseppe, se uno e' scemo e' scemo! Puoi anche darla a bere per una stagione, ma poi il bluff e' scoperto!!!!
2
postato da , il
Visione a dir poco ottimistica.
In Italia anche l'intelligenza si compra e si vende, nel senso che se hai soldi e potere, o anche solo una "aderenza" in qualche TV (o anche solo in qualche squallida confraternita) e un po' di faccia tosta, troverai torme di scribacchini, giornalisti venduti, pseudo-critici d'arte eccetera eccetera pronti ad esaltarti non come intelligente, ma come un genio. E torme di fessi pronti ad acclamarti.
Quella che non si compra e vende è l'intelligenza vera. Ma quella non serve a nessuno, perché nessuno la capisce.
Altrimenti per qual motivo i cervelli fuggirebbero all'estero??
Mi astengo dal voto.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti