Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a I Fiori di Aldo Palazzeschi


12
postato da , il
Domando e chiedo, ma perché ogni critica deve essere presa come un affronto personale?
Perché non può diventare momento di riflessione?
Io trovo questo scritto una poesia inusuale, ma tra poesie civili e poesie catartiche ha un senso anche la poesia ironica, poi che piaccia a no è materia che non dovrebbe esacerbare.
Palazzeschi ha scritto cose di qualità tale da meritarsi perlomeno l'attenzione.
Bah, adesso ricerco nel sito e mi immergo nella purezza del Petrarca
11
postato da , il
Non la conoscevo-

Pino,  è originale
non è divertente, anzi .....

no, non è volgare.

Troppo lunga  sì, devo rileggerla , Tina oltre  "rio bo" conosco "la fontana malata",  "I fiori",secondo me, non sono  malati .  E' giusto che ognuno di noi esprima liberamente il proprio giudizio.
10
postato da , il
Chiarissimo Sig. Freda,
non si prenda pena per la delusione che, a suo modo di vedere, dovrebbe patire il mio animo vigliacco dinnanzi alla sua sin troppo facile, scontata e puerile non-risposta: mi creda, ho affrontato delusioni ben più gravi di questa! E anzi, se proprio devo essere sincero (e per Sua opportuna conoscenza, sappi che in genere lo sono!) era da moltissimi mesi che, sulle pagine di questo sito, non mi divertivo a questo modo! Perché la sua non-risposta, glielo dico molto amichevolmente, fa proprio ridere…

Vede, mio caro Chiarissimo Sig. Freda, la vecchia e stantia storiella dell’anonimo con me non attacca: sono regolarmente registrato al sito da parecchi anni e, così come le regole del sito stesso prevedono, ho scelto di non rendere visibile il mio nome e cognome. Sa, pare che sia un mio diritto… si, più tutta quella roba della Legge sulla Privacy o come diavolo si chiama! Ecco: a meno che Lei non abbia il potere di cambiare le leggi in materia (e con effetto retroattivo, mi raccomando!) credo che continuerò ad esercitare quel MIO diritto. D’altra parte (ma se lo faccia spiegare meglio da un avvocato ché io non sono pratico di queste piccole e banali beghe) una eventuale tutela legale in suo favore è ampiamente garantita giacché, come prima detto e facilmente verificabile, non sono un utente anonimo: sono un utente REGISTRATO e quindi RINTRACCIABILE. Se non vuole parlarmi, bene!, sono quasi sicuro che sopravviverò lo stesso: prendo atto del suo rifiuto ed anzi mi scuso, PUBBLICAMENTE con Lei se in qualche modo ho turbato la Sua quieta esistenza con le mie richieste di chiarimenti circa il Suo prezioso commento nr.#7. Ma, la prego!, non dica con tanta leggerezza che il vigliacco sono io… le molte, moltissime persone che, in questo sito, conoscono perfettamente la mia reale identità (e qualcuno anche il numero di telefono!) stanno già ridendo. E non certo ai miei danni…

In fondo, però, sa… la capisco. Si, perché è colpa mia, lo riconosco. Ho usato un ci chiarisca che evidentemente il Suo ego ha inteso come atto usurpativo di una presunta superiorità intellettuale che Lei riconosce a se stesso. In realtà, Chiarissimo Sig. Freda, il fatto è che quel ci non era e non voleva essere un pluralis maiestatis. No, mi creda! Il mio ci includeva tanto la mia perplessità quanto quella che ho immaginato potesse sorgere nella mente di chi, fino a quel momento, aveva dato al testo di Palazzeschi un giudizio quanto meno di originalità! Insomma: i commenti dall’uno al sei sono sostanzialmente positivi; il settimo (il Suo) è di bocciatura totale e assoluta; l’ottavo è il mio che, incuriosito da tale netta stroncatura, chiede, anche a nome degli altri sei, di spiegare meglio la Sua pur Chiarissima idea.
Spiegare ovvero chiarire e quindi parlare, discutere, confrontarsi, misurarsi, precisare, illustrare, giustificare, delucidare… Come dice? Ah! Già! Io, secondo Lei, sono anonimo! Non merito risposta! E certo: mica ci possiamo mettere a parlare con gli sconosciuti! Ma ci dica (ovvero: lo dica a tutti noi che siam plebaglia infame): e gli altri sei prima di me? E quelli che verranno dopo? Quelli che fra sei mesi o fra due anni leggeranno il suo commento? Non glielo vogliamo dare un chiarimento a loro? O il Suo pomposo assumersi l’intera responsabilità è solo un comodo muretto dietro cui nascondersi dopo aver lanciato il sasso? Chiarisca i suoi Illuminati pensieri, Sig. Freda. Non a me: al mondo intero. Si assuma quella responsabilità di cui ciancia! In caso contrario l’unico vero anonimo, sia pure con tanto di nome e cognome, sarà solo e soltanto Lei.

D’altra parte mi rendo conto che i Suoi pensieri sono un po’ confusi. E non è certo la mia squallida ars loquendi ad obnubilare la Sua mente (della cui forma, sia chiaro!, nulla m’importa!). No, della Sua confusione mentale abbiamo palese prova in ciò che Lei stesso scrive:
… mi pare di aver espresso la mia opinione in maniera facilmente comprensibile; e che la stessa sia stata di fatto compresa e addirittura condivisa da molti.

Mia caro Chiarissimo Sig. Freda, quando e dove ho mai detto o scritto che la sua opinione non era chiara? E chi sono i molti che, a suo dire, l’avrebbero di fatto compresa? E chi, mi chiedo e Le chiedo, chi è che tale opinione l’ha condivisa? Diamine! Non vedo nessuna adesione o condivisione al suo pensiero prima del commento #9! NESSUNA!!! NEPPURE IN FORMA ANONIMA!!! Lei non solo vede nemici nascosti in ogni dove ma s’inventa pure proseliti che non esistono!

Su una cosa però ha ragione: la richiesta finale (ovvero la cura) era una provocazione. Sa, speravo che mi rispondesse alla maniera di Palazzeschi, ovvero con un sorriso, con ironia o addirittura con una fragorosa risata. Ma dal tenore della sua risposta è evidente che Lei Palazzeschi non lo ha mai letto. E se l’ha fatto era distratto. E se non era distratto, come minimo teneva il libro all’incontrario. E se il libro lo teneva nel verso giusto, allora dev’esserLe rimasto attorno agli occhi, uno schizzetto di quel fango che così bene da prova di conoscere

Buona Vita.

P.S.  Un’ultima cosa: in futuro Le dovesse venire voglia di conoscere l’identità di qualcuno provi a chiederglielo con pacatezza ed equilibrio, possibilmente in forma privata così da tutelare gli altrui diritti. Non è difficile, sa? Basta solo un pizzico di quella robaccia che si suole chiamare educazione e rispetto.
9
postato da , il
No... il mondo non è solo sesso...
è una buona componente ma non è tutto...!
Sono rimasta costernata quando ho letto questa poesia...
perchè di Palazzeschi conoscevo solo "rio bo"
o qualcosa di simile... insulsa veramente come poesia...
(a mio parere)... quindi scoprire che lo stesso autore...
ne aveva scritto anche una così boccacesca...
mi ha lasciata di stucco... alla faccia dell'essere eclettici...!
8
postato da , il
Sig. Impenitente, per Sua grazia parzialmente manifestatosi come Antonio P., mi spiace deluderla, ma sinché non riuscirà a trovare la forza e il coraggio di palesare il suo nome e cognome non le fornirò alcun approfondimento.
La richiesta mi viene infatti rivolta con un pluralis maiestatis ("ci" chiarisca) che mi sembra risi*bile in bocca ad un... anonimo impenitente qualunque.
Inoltre, mi pare di aver espresso la mia opinione in maniera facilmente comprensibile; e che la stessa sia stata di fatto compresa e addirittura condivisa da molti.
Infine, la richiesta finale (quella che io mi esprima circa una "cura") mi appare palesemente provocatoria, ricordandomi peraltro una forma mentis ed una squallida ars loquendi di mia conoscenza...  : ))))
Ma a quest'ultima domanda le risponderò, perché non sia mai detto che non fornisca adeguata terapia a chi me ne avanzi richiesta.
La terapia è semplice: continuare a voltolarsi nel fango.
A furia di girarsi e rigirarsi ben bene, prima o poi ne viene lo sch*ifo.
Questo accade di solito; ma possono anche passare anni o decenni...
E comunque non prometto alcun risultato.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti