Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Sono felice d'essere triste... Come si spiega..." di Arcangelo Provitina


14
postato da , il
Posso aggiungere una banalissima cosa?
Io  quando sono felice,  sono molto felice di essere felice, mentre quando sono triste sono molto triste di essere triste e non vedo l'ora che passi!
Pino, concordo con te: la felicita' (saro' meno poetica delle tue bellissime parole)  quella vera, e' uno stato di grazia....per niente si dice di una persona felice che ha toccato il cielo con un dito!
13
postato da , il
La felicità è un attimo Giuseppe... un attimo o poco più...
12
postato da , il
La trovo vera, capita di essere felice della propria tristezza Giulio... il resto per me è solo polemica inutile...
11
postato da , il
Vedo che nessuno reagisce... probabilmente per via del caldo canicolare o dell'ora tarda... e allora rincaro la dose.  : )))
    L'alternarsi rapido di eccitazione e depressione,  euforia e sconforto, felicità e tristezza, è tipico della sindrome bipolare. Ove dovesse capitarvi, occhio... !!!
10
postato da , il
Per Lucia: giustamente hai collocato più o meno al manicomio chi sia triste di essere felice.  Potevi tuttavia, più poeticamente, collocarlo anche su pensieri e parole.
Un carissimo saluto a Vicenza !!!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti