Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Marty di Giuseppe Freda


6
postato da , il
Se ci guardiamo attorno vediamo che...
una massa enorme di persone...
usa la testa più come elemento estetico...
che come centro pensante...!
La nostra società è organizzata in modo...
che quasi tutto è già pensato...!
Per ogni possibile problema...
c’è già la soluzione preconfezionata...!
Ti vuoi divertire...?
Non devi inventare nulla...
non hai che da scegliere tra il cinema...
il bowling o la discoteca...! Hai fame...?
Non devi industriarti a cat*turare la pr*eda...
basta passare al supermercato o...
direttamente al ristorante...!
Anche se hai bisogno di coccole...
la società ti ha aiutato a scegliere una persona...
che è pronta a fartele...! Sei malato...?
Non hai che da scegliere il medico...
e le cure che fanno al tuo caso...
e normalmente il grado di intelligenza...
non influenza il decorso verso la guarigione...!
In una certa misura la società...
ti fa mettere il cervello a riposo...!
In una certa misura…
ma non dimentichiamo che...
sempre più società vuole dire complessità...!
Chi non è sufficientemente sveglio...
potrebbe avere difficoltà a districarsi...
nella vorticosa espansione tecnologica...
con i conseguenti aspetti economici...
organizzativi... amministrativi...!


Aggiungo una grande vertà...:
Se non estinguiamo le nostre paure...
l’intelligenza non può essere piena...!
5
postato da , il
Sapevo, sapevo... vedi, sono perseguitato da una sorta di Belfagor, fantasma di P&P, che si diverte a dare 1 appena inserisco qualcosa. Ha dato 1 anche alla "lettera di Adamo". Chi costui sia, però, non è un punto interrogativo; lo è viceversa la motivazione per cui si trastulli  in questa maniera.
    Quanto alla stu*pidità, io credo sia connaturata nella stessa condizione umana attuale. Sono CERTO che se la nostra scatola cranica fosse più ampia, e il nostro QI medio anziché 100 intorno anche solo a 160 (il QI di Einstein), gran parte dei problemi che ci affliggono sarebbero risolti.
    Dice: ma da che lo deduci. Lo deduco dall'esperienza: ho avuto amici intelligenti, amici stu*pidi, nemici intelligenti e nemici stu*pidi. Ebbene: con quelli intelligenti, amici o nemici, ci si è sempre intesi anche senza parlare, e in particolare i nemici hanno capito i miei segni di.. pace armata e si sono evitate guerre; ma con i fe*ssi, amici o nemici che fossero, intendersi è stato sempre un problema, e con i nemici di questa specie, in particolare, è stato necessario arrivare ai ferri corti perché capissero.
    E Belfagor? Lo ritengo intelligente quanto basta per accorgersi prima o poi di starsi comportando da stu*pido. Ma anche stu*pido quanto basta per non ammetterlo mai. 
    Scusami la digressione... filosofica, ma la Domenica sera, col caldo che fa, la mente si surriscalda, le dita scrivono da sole, e ...  : )))
    Buona serata e buona settimana.
4
postato da , il
comunque io ho dato 9...ma c'era un 1...quindi ...5.....la matematica ammette pochi dubbi:)
3
postato da , il
CONFESSO ..NEANCH'IO...per questo ho poche certezze...molti dubbi...e infinite domande....ma ahimè....non ammetterò mai di essere...St*upida:)
2
postato da , il
L'umanità ritiene che i punti interrogativi decrescano con l'età e la "maturità". Io non sono mai stato di questo parere da giovane, ed oggi devo dire, almeno per quanto mi riguarda, di essere stato buon profeta: i punti interrogativi non sono diminuiti, anzi con l'esperienza ne sono andato a scovare di nuovi proprio là, dove mai immaginavo se ne potessero annidare.
D'altra parte, se ci sono, perché tentare di eliminarli? Meglio accettarne la presenza, e semmai giocarci insieme e farseli buoni amici.
Io ci convivo allegramente.
Devo però confessare di non avere mai adottato il metodo Heracles.
Che.. sia stato questo il mio problema??
Grazie, Rossella, dell'attenzione.  : ))

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti