Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Il fotografo del terzo mondo di Giuseppe Freda


5
postato da , il
Io penso che se il vento del sud ci raggiungera', l'unica cosa da fare e' non imitare la quercia, che ne potrebbe essere travolta; piuttosto sara' il caso di fare come il giunco gentile: piegarsi e non spezzarsi. Poi la bufera passa e non tutto quello che porta e' negativo.
La poesia mi piace molto: hai stile Giuseppe!
4
postato da , il
No, sono zulu. Mangiano di tutto. Credo che prima o poi tenteranno di mettere nel pentolone anche me.
3
postato da , il
Scusa, ma sono cinesi? (per via del cane)
2
postato da , il
Ahimé, io già sono travolto. Ho una tribù di zulù (ma di quelli tosti) che ha preso possesso del primo piano della casa in cui abito.. La Domenica sono canti tribali che, se ti affacci alla finestra, vedi i bao-bab...
Però è bello. Viaggio gratis. E poi, sono simpatici.
Ho fraternizzato.
Solo ho dovuto fargli gentilmente capire che il cane non lo tenevo per mangiarmelo a Natale.
1
postato da , il
Pino, non ti voto
Il finale sarà un altro anche perché non hai contemplato la possibilità
che il vento del Sud travolgerà anche te se si dovesse verificare.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti